Articolo

Le tante sorprese di Orobie
in edicola ad aprile

30 Marzo 2018 / 16:00
0
0
831
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Le tante sorprese di Orobie
in edicola ad aprile

30 Marzo 2018/ 16:00
0
0
831
Scritto da Redazione Orobie

E' primavera, tempo di bellissime escursioni all'aria aperta, in mezzo alla natura, tra vallate, pascoli e vette. Camminare sereni in ambienti meravigliosi, proprio come quelli dei quali le montagne lombarde sono ricchissime. Non si può resistere alle "tante sorprese della Lombardia più bella", è un richiamo fortissimo dettato dalla necessità di assaporare quel benessere psicofisico che fa davvero stare bene. Il numero della rivista Orobie in edicola ad aprile vi aiuta allora a scegliere l'escursione che fa al caso vostro. In copertina il lago di Como, splendida la foto di Paolo Ortelli. Come sempre, le proposte tra montagna e luoghi d'arte e cultura sono tante, davvero per tutti i gusti.

Siamo stati due giorni in valle di Era e valle Meria lungo i sentieri dei partigiani, tra Mandello del Lario e le Grigne, le foto sono di Klaus Dell'Orto

Scopri l'itinerario e scarica il gpx: sentiero dei Partigiani.

Abbiamo dormito in tenda all'alpe d'Era. Guardate l'intervista a Eugenio Pirovano, dell'associazione Banlieue di Osnago (Lecco), ospite di Massimo Sonzogni a Orobie Extra:

Silvia Tropea Montagnosi e Marco Mazzoleni, le nostre "sentinelle del gusto", ci raccontano invece del dolce pasquale di Como, la "resta". Da provare.

Sono di Matteo Zanga le foto che ritraggono Alessandro Gherardi, detto "Geko" che, con sci di alpinismo, mountain bike e canoa, ha seguito l'intero corso del fiume Brembo, dalla sorgente alla foce. Il testo è di Carlotta Karloz Cortese. Non perdete Orobie Extra con l'intervista al "Geko" realizzata da Cristina Paulato:

"L'erba degli orsi" ce la presenta Maria Cristina Brambilla. Sono suoi fotografie e testo della fioritura dell'aglio orsino in Brianza.

Quest'anno di neve ne è arrivata tanta e per gli scialpinisti è il momento migliore per soddisfare la propria passione. Paolo Ortelli e Mattia Copes ci portano allora in val Budria e val di Lemma, fin sulla "vetta senza nome", detta anche cima di Cavisciola, tra la Valtellina e la bergamasca valle Brembana.

Sul nostro sito e sulla app Orobie Active trovi tutti i dettagli per seguire questo itinerario.

Che dire della "mostruosa meraviglia" (guarda la video-intervista realizzata al Museo di Scienze naturali di Bergamo) che ci presentano Paolo Confalonieri e il fotografo Marco Mazzoleni. Il coccodrillo del Santuario della Madonna delle Lacrime di Ponte Nossa (Bergamo) è eccezionalmente esposto alla mostra dedicata al pittore Giovan Battista Cavagna al museo Adriano Bernareggi di Bergamo.

Guarda la nostra video-intervista al curatore della mostra Simone Facchinetti.

Infine Cesare Pisoni, sempre in compagnia dell'amico fotografo Matteo Zanga ci fa scendere con lo snowboard dalla vetta del monte Cevedale.

Consulta l'itinerario e scarica il tracciato gpx sul sito di Orobie oppure lasciati guidare dalla app gratuita Orobie Active

Buona lettura a tutti e buona scoperta delle tante sorprese della Lombardia più bella insieme a Orobie.

Correlati

A maggio il colorato giardino di Padenghe verde

A maggio il colorato giardino di "Padeng...

Torna l'11, 12 e 13 maggio a Padenghe sul Garda (Brescia) "Padenghe verde", l'esposizione gardesana, giunta alla 12.a edizione, dedicata alle architetture ...

Evento
Museo Bernareggi, con Orobie alla scoperta del Cavagna

Museo Bernareggi, con Orobie alla scoper...

E' un appuntamento da non perdere, promosso da Orobie in collaborazione con la fondazione Adriano Bernareggi. Segnatelo sulla vostra agenda, sabato 28 aprile alle 15 ...

Evento
Pronta la nuova falesia alla Sassella di Sondrio

Pronta la nuova falesia alla Sassella di...

Da sabato 21 aprile 2018 è aperta a tutti gli appassionati dell'arrampicata la nuova palestra di roccia alla Sassella, a due passi dalla città ...

Evento
Rocca d'Anfo, un gioiello fortificato da tutelare

Rocca d'Anfo, un gioiello fortificato da...

Tutelare le peculiarità storiche, naturalistiche e paesaggistiche della rocca d’Anfo. È questo l’obiettivo dell’associazione "La Polveriera" intenzionata a mettere in campo un ...

Articolo