x

Utilizza collega per associare tra loro i tuoi contenuti, per esempio:

  • una photogallery alla gita o all'itinerario
  • un evento in agenda al link del sito dell'organizzatore

La scomèssa

Gh'ia òna òlta, fo 'n de stala, de fòmègn che, entàt che le felàa con fùs e ròca i ia fac òna scomèssa. L'ia sira e s' parlàa de spìrec che i teràa entùren de cadène: gh'ia chi e gli à senticc e èscc! Ona de lur la ghe credia mia, e la gh'à dicc a chèle òtre:
"Cosè scometiv che mè a mesanòcc 'ndo sò a San Piro? Me gh'ò mia pura de deàoi!"
Pòtana, chèle òtre fòmègn i è restade iò 'sse' e la ga gregnàa dri perchè e l'pùdia mia stà che la gh'èss mia pura:"Te fè apòsta: te dighet che te 'ndè sò, enveèce te 'ndè a cà. Chi sit tè per viga mia pura! Eiùra, per fà capì che te sì stacia pròpe sò, pòrta sò sto fùs e càssel dò n'dol prat. Endomà matina m'và sò nòtre a èd se m'tro'a ol fùs!"
Chèsta femma, a mesanòcc, l'è pròpe passada sò. Reàda a San Piro, l'à tuit fò da la gaiòfa ol sò fùs, la s'è sgobada dò e l' l'à piantàt dò 'n dol prat denàcc a la cesina. Ma 'n dol teràs sò, la s'è rencordida che la ga reàa mia, perchè en dol piantà dò ol fùs l'ìa ciapàt da la begaròla. La s'è enveàda egliùra a osà: "I me tira dò e mòrcc! I me tira dò e mòrcc!", e l'è mòrta pò à li da la pura e da stròmèss che l'à ciàpàt. Chèsta stòria che l'è gnida fò dalbù, là 'nsègna che tòcc i gh'à pura, da chi che i dis de nò, e che e mòrcc i è sèmpre da respetà e da lagà possà en santa pas.
-
Questo racconto è conosciuto sotto il titolo E mòrcc de San Piro (I morti di San Pietro). Per i villaggi e tutte le contrade della Valle Imagna la Chiesetta di San Pietro sul Monte Poren ha costituito nel passato e rappresenta tutt'oggi un chiaro e comune riferimento storico-culturale.
Chiesetta di San Pietro la più antica, si dice, di tutta la Valle Imagna, posta su una collina del M.te Poren, a 993 metri. Al santuario era tradizione salire fin quassù in processione, per pregare i loro morti. Infatti, in tutta la Valle Imagna si è soliti citare i "mòrcc de San Piro" alla luce del fatto che sotto il pavimento furono composte le vittime della peste del 1630.

Commenti

lacasadiparpaet

certo che è dura!!!!dopo 8 volte sono riuscita a leggerla decentemente