Gandino: quattro appuntamenti fra musica e tradizione

Dal 29 giugno al 2 luglio in coincidenza con la festa dei Santi Martiri Patroni Gandino (Bergamo) propone nel borgo medievale l’ottava edizione di “In Secula”.

Quattro giorni intensi di appuntamenti, dal 29 giugno al 2 luglio a Gandino (Bergamo), in coincidenza con la festa dei Santi Martiri Patroni le cui reliquie giunsero nel paese della Valle Seriana nel Seicento. Si parte giovedì 29 giugno alle 21 con il concerto del Corpo musicale “Città di San Pellegrino Terme”. Un’ideale sigla di anteprima per l’evento di venerdì 30 giugno, quando alle 20.30 scatterà la celeberrima “Corsa delle uova”. È un’originale sfida con due atleti protagonisti. Il primo deve percorrere di corsa il tratto Gandino-Fiorano al Serio e ritorno (poco più di 11 chilometri), mentre l’altro deve raccogliere, una per una, 100 uova poste a un metro l’una dall’altra fra la fontana della piazza municipale e l’antica chiesa di Santa Croce.

Le origini della sfida risiedono in una scommessa, che nel 1931 vide protagonisti Renzo Archetti e Giovanni Bonazzi. La prova è estremamente incerta, risolta all’ultimo metro oppure all’ultimo uovo, seguita dalla folla che si assiepa attorno a piazza Vittorio Veneto dove, nella pavimentazione, sono incastonati i cubetti di marmo che segnalano le 100 uova. Al termine viene proposta una serata di grande festa con frittata e uova sode distribuite al pubblico, e la successiva “Notte Bianca” con attrazioni e degustazioni.

Sabato 1 luglio alle 21 toccherà alla rievocazione “In Secula”. Si tiene nei soli anni dispari e propone centinaia di figuranti in costume. Ricorda fatti della storia gandinese nei luoghi in cui sono realmente avvenuti. Quest’anno verranno ricreate vita e opere di don Francesco della Madonna, fondatore delle Suore Orsoline di Gandino. Sarà rievocata, fra l’altro, la visita a Gandino nel 1831 del viceré arciduca Giuseppe Ranieri d’Asburgo con la consorte Maria Elisabetta di Savoia-Carignano.

Infine l’appuntamento di domenica 2 luglio alle 11.30: gran finale con la premiazione dei cittadini benemeriti e la degustazione dei prodotti a base del rinomato Mais spinato di Gandino.

Correlati

Un libro in ricordo del “Camós”

Un libro in ricordo del “Camós”

Sabato 16 dicembre a San Pellegrino Terme (Bergamo) la presentazione del volume con pensieri, poesie e omaggi alla memoria del maestro dell’arrampicata Bruno Tassi ...

Evento
La Val Gandino riscopre la lana bergamasca

La Val Gandino riscopre la lana bergamasca

Riscoperta l'antica filiera della lana bergamasca grazie alle iniziative messe in campo nelle Cinque terre della Val Gandino, con Casnigo, Cazzano Sant'Andrea, Gandino ...

Articolo
Il Fagiolo di Clüsven presentato alla Fao

Il Fagiolo di Clüsven presentato alla Fao

Da Gandino (Bergamo) a Roma una delegazione in occasione dell’incontro sulla valorizzazione dell’antica varietà salvaguardata nella vallata. Un coordinamento di ricerca nazionale.Incontro ...

Articolo
La Val Gandino ora rilancia lana e seta

La Val Gandino ora rilancia lana e seta

Nell’ambito de “I giorni del melgotto” dedicati all’eccellenza del Mais spinato di Gandino, ora si punta su nuove attività legate alla tradizione locale ...

Articolo