x

Utilizza collega per associare tra loro i tuoi contenuti, per esempio:

  • una photogallery alla gita o all'itinerario
  • un evento in agenda al link del sito dell'organizzatore

Valle Aurosina e lago del Grillo

Scarica percorso:

Partenza: Santa Croce Arrivo: Bocchetta di Val Scilano
Altitudine di partenza (m.): 500 Altitudine di arrivo (m.): 2190
Tempo percorso: 12 ore Data della gita: lunedì, 23 luglio 2012
Attivita': Escursionismo Difficolta': EE - Escursionisti Esperti
Esposizione: N - Nord  

Descrizione

Giunti a Santa Croce si attraversa il torrente e si parcheggia presso la chiesa romanica di San Martino (500 m). Si torna un indietro fino al ponte per prendere la strada che porta ai crotti fino a raggiungere la gola del torrente Aurosina. Si segue il sentiero al fondo della gola fino a Tabiadascio a 1245 m (verso l'inizio un breve tratto di sentiero è franato ma può essere superato seguendo le tracce di chi è già passato; è comunque da evitare nei momenti di pioggia).
A Tabiadascio si esce dal bosco seguendo il sentiero B15 che con l'erba alta può non essere evidente: occorre fare attenzione ai segni rossi e bianchi di vernice che ci sono anche se poco visibili. A circa 1500 cominciano i tornanti che portani a Garzonedo (1940 m) dove il CAI di Chiavenna sta costruendo un bel bivacco. Dal bivacco si sale alcuni metri fino alla piazzola per l'elicottero da cui si possono notare i segni di vernice che marcano il traverso verso la bocchetta di Val Scilano (2190 m).
Da questa si scende nella conca fino a circa 1900 m per poi rientrare nel bosco e proseguire in quota verso ovest fino a raggiungere, appena sotto il lago del Grillo, il sentiero che sale da Uschione. Questo sentiero va seguito per la discesa; se non si vuole arrivare fino ad Uschione si può tagliare con il sentiero che da Prato del Conte Scende a Pradella dove poi si prende la Traversata dei Monti (B12) in direzione est (c'è un breve tratto su strada asfaltata ma finisce molto presto). Si risale quindi a Saranga; io qui ho seguito le indicazioni per Santa Croce ma lo sconsiglio perchè il sentiero non è ben segnalato e se non si conosce la zona è difficile capire dove andare. Meglio arrivare a Motta per poi prendere il Sentiero che scende a Santa Croce giungendo presso la Chiesa di San Martino.
L'itinerario non presenta difficoltà tecniche ma visto il dislivello (1700 m) ed il sentiero a volte poco visibile l'ho indicato come EE (per escursionisti esperti)