x

Utilizza collega per associare tra loro i tuoi contenuti, per esempio:

  • una photogallery alla gita o all'itinerario
  • un evento in agenda al link del sito dell'organizzatore

Piccola Ciamarella

2° giorno in Savoia. Forse questa è stata la miglior sciata stagionale; certo è che è la miglior chiusura delle mie ultime stagioni scalpinistiche. A parte la neve splendida, ma il fascino di questo versante della montagna, forse poco frequentata dagli Italiani, e il fatto di essere riusciti in pieno nel nostro intento, dopo i diversi dubbi iniziali, ci hanno davvero ripagato del fatto di aver «pestato» neve solo per metà gita. Dopo la Francesetti di ieri, siamo ancora qui al Plan des Evettes e recuperiamo i nostri attrezzi, dove li avevamo «nascosti». Preferiamo salire dal versante NW, anche solo per tenere gli sci ai piedi almeno per un po’. Pendenze costantemente sostenute, sempre sui 30-35°, e con la neve dura che c’è non molliamo mai i rampanti. Al colle della Piccola Ciamarella, sci nello zaino, risaliamo la cresta fino in vetta e qui decidiamo di scendere dalla N. Il passaggio di misto sotto la vetta, con una sola piccozza, non è banale. Ma calzati gli sci, scendiamo lungo la N in una discesa adrenalinica, soprattutto nel primo tratto tra i 45 e i 50°. Tutta la discesa sarà favolosa, fino al Plan des Evettes. Dopo questa gita, il ritorno al rifugio e la discesa dal sentiero verso la macchina non sono pesati più di tanto... Certo che dover smettere ora... questo sì, un po’ è pesato! Con Zamma.

Commenti

ema.ale.musitelli

oltre al gesto atletico e' sempre un piacere e molto rilassante vedere le tue fotografie ciao

Commenti

fedora.rota

Grazie! I posti favolosi e la bella giornata però aiutano molto...!!

Commenti

Vinberti

Grande Fedora !! la tua è stata una stagione (scialpinistica) eccezionale !! e poi, oltre la scelta di mete una più bella dell'altra, hai anche fatto delle foto bellissime. Complimenti davvero !! .....comunque non ci credo che è l'ultima. :-)

Commenti

alper78

Questi sono i posti da frequentare ora che in basso si muore di caldo! però ci vuole un bell'allenamento, complimenti!

Commenti

fedora.rota

@Vincenzo: Sì, nonostante la stagione non fosse partita proprio bene, con la neve che già a marzo scarseggiava, gli ultimi due mesi sono stati invece i migliori. La difficoltà maggiore spesso sta nel cercare sempre gite nuove, che ancora non ho fatto, in base alle condizioni di neve, di meteo, ecc. Cmq era l'ultima!! ;-)