Dai sorrisi dei giovani "Pasturs", il miglior bilancio della terza edizione

0
0
1447

Dopo i 100 volontari coinvolti nelle precedenti edizioni, anche quest’anno 50 giovani volontari provenienti da tutta Italia hanno raggiunto i 9 alpeggi impegnati nel progetto Pasturs, promosso da Cooperativa Eliante Onlus, Parco delle Orobie bergamasche, Wwf Bergamo-Brescia e Coldiretti Bergamo. Grande entusiasmo da parte dei partecipanti che confermano: il volontariato migliora la convivenza tra pastori e grandi predatori.

I giovani sono stati scelti tra oltre 200 candidati e hanno trascorso un periodo in alpeggio per aiutare i pastori nelle loro attività quotidiane e nella gestione delle misure di prevenzione, come il montaggio e lo smontaggio delle recinzioni elettrificate, la sorveglianza delle greggi e la gestione dei cani da guardiania. Lo scopo del progetto è di migliorare la convivenza tra pastori e grandi predatori, mitigando il rischio di predazioni sul bestiame domestico. 

Nove gli alpeggi sul territorio del Parco delle Orobie bergamasche che hanno partecipato al progetto: Alpe Cardeto di Renato Balduzzi, Alpe Vodala di Silvestro Maroni, Alpe Grabiasca di Fabio Boni, Alpe Zo di Massimo Balduzzi, Alpe Fontana Mora di Aldo Pasini, Alpe Neel di Pietro Zuccheli, Alpe Manina di Andrea Morelli, Alpe Venano di Giuseppe Salvi e Alpe Flesh di Massimo Biondi.

Terminato il supporto di Fondazione Cariplo, Pasturs ha ottenuto il sostegno di Regione Lombardia, del progetto LIFE Gestire 2020 "Natura che vale" e di Almo Nature-Fondazione Capellino.

Per tutte le informazioni: www.pasturs.org