Monte Venina e Monte Masoni

6
1
973

Venerdì 28 Settembre 2018.
Avevo intenzione di fare questa lunga escursione con notevole dislivello da un po' di tempo e oggi si e' presentata la giornata propizia. Si parte da Carona in direzione Pagliari e poi per il Rifugio Longo. Si sale dunque verso il Passo Venina per poi deviare a sinistra e raggiungere la cima del Monte Venina a quota 2.624 metri. Si continua l'attraversamento sino a raggiungere anche la croce del Monte Masoni a quota 2.663 metri. Dal Passo Venina in poi si gode di un incredibile panorama su tutte le cime circostanti.

Commenti

Emanuele Musitelli 1 anno

grazie Camillo ,anche io santuariamente vedo il medesimo programma ma pensavo a qualche cosa di diverso .... un saluto

  • Camillo Giupponi 1 anno

    Grazie Emanuele, lunga escursione che si contraddistingue per i grandi panorami. Per quanto riguarda le foto, Orobie ha l'esclusiva :-))) Anni fa ho provato ad avere un sito personale un po' spartano con quello messo a disposizione da alice (ancora esistente) ma poi ho lasciato perdere. Ogni tanto vedo il meteo di Regazzoni su BG TV e capita di vedere foto di escursionisti che pubblicano anche su Orobie. Ciao!

  • Emanuele Musitelli 1 anno

    Ps. pubblichi le tue foto anche su qualche altro sito ? ....sai ! giusto per allargare gli orizzonti ......

  • Emanuele Musitelli 1 anno

    Anche a me manca questa parte delle orobie e piu' precisamente volevo poi concludere il giro ad anello scendendo dai masoni .... Tempo al tempo...... ,come si dice ,intanto complimenti e alle prossime ,ciao

  • Camillo Giupponi 1 anno

    Grazie Adriano. In particolare dopo il Passo Venina e' una vera delizia di grandiosi panorami. Se la giornata e' nitida si e' ripagati della lunghezza dell'escursione. Buona Domenica!

  • Adriano Selleri 1 anno

    Una bellissima e panoramica escursione. Siamo stati tentati di percorrere il sentiero per il Passo di Venina l'anno scorso salendo verso il rifugio Longo, decidendo invece di proseguire per il Passo Selletta. L'idea della salita è comunque rimasta e questo tuo album dice che ne vale la pena. Complimenti e ciao.