Periplo di Pizzo Rotondo e Cime di Lemma dalla Baita del Camoscio il 9 sett. 2018

0
1
1820

PERCORSO

San Simone-Baita del Camoscio (1750 m) > Sentiero 116-101 > Forcella Rossa (2055 m) > Traccia- Pizzo Rotondo (2237 m, quasi vetta) > Sentiero 101 – Piedevalle (1944 m) > Traccia per sentiero G.V.O. (Gran Via delle Orobie) - Splendido Laghetto > Sent. bollato G.V.O. > Passo di Lemma (2137 m) > Cima di Lemma (2348 m) >Passo di Tartano (2108 m) > Sentiero 101- Baita del Camoscio

Difficoltà': E (per Escursionisti) in buona parte; EE (Escursionisti Esperti) nell’ultimo tratto di salita al Pizzo Rotondo e in pochi brevi tratti del percorso in cresta da Passo a Cima Lemma

Dislivello: positivo 984 m; negativo -948 m

Distanza: Km 14

Tempi : complessive 6/7 ore

Acqua presente

Domenica 9 settembre 2018 sono di buon’ora in solitaria alla Baita del Camoscio (1750 m), raggiunta da Valleve-Cambrembo-San Simone in Alta Valle Brembana nei pressi di Foppolo.

Parcheggiata l’auto mi incammino sul sent. 116 per breve tratto, fino a imboccare il sentiero 101 che salgo a sx fino a raggiungere la Forcella Rossa (2055 m).

La giornata è bella e la visibilità buona, per cui mi dedico a foto panoramiche ad ampio raggio.

Brevissima sosta alla Madonnina del G.A.M.A. di Almè e via, lasciato il sentiero 101 , prendo a sx la traccia di sentiero in cresta per la vetta del Pizzo Rotondo. La salita è decisa per buona parte con vista panoramica sia verso la conca di San Simone (con le cime del Monte Cavallo, Cavallino, Pegherolo e Secco) da dove son salito, sia verso la vallata di Ca’ San Marco (con le cime dell’Azzarini-Fioraro, del Tartano, dell’Azzaredo…).

L’ultimo tratto di salita in cresta su zolle erbose con erba ‘festuca’ scivolosa risulta molto ripida e rchiede molta attenzione, l’ho già fatta , ma oggi sono solo e preferisco non espormi ad eventuali difficoltà salendo fino in vetta per cui scendo alla Forcella Rossa intenzionato a compiere un bel periplo intorno al Pizzo Rotondo e alle Cime di Lemma, che ho fatto solo in parte.

Dalla Forcella Rossa seguo a dx il sentiero delle Orobie Occ. 101 che in traverso sulle pendici occidentali del Pizzo Rotondo mi porta a Piedevalle, passando sopra la Casera Cavizzola (1798 m) e al Laghetto di Cavizzola (1911 m).

A Piedevalle, lascio il sent. 101 che va alla Baita e sale alla Bocchetta di Piedevalle e prendo a dx una labile traccia non segnata, ma visibile che sale i fianchi settentrionali del Pizzo Rotondo e che va ad agganciare in quota il sentiero G.V.O. diretto al Passo di Lemma.

Cammino in territorio valtellinese, è la prima volta che percorro questa traccia che si inoltra in una bella valle solitaria dove incontro solo due baite con greggi di pecore e capre. Salgo seguendo la traccia (ce ne sono varie) che mi sembra a vista la migliore.

Infine vedo il colletto tra la cima del Pizzo Rotondo (già salito) e quella di Cima Lemma orientale. Da quel colletto ero sceso 6 anni fa seguendo anche allora una traccia.

Salgo quindi ad agganciare la traccia che scende dal versante nord del Pizzo Rotondo e che all’incrocio con quella che sto salendo viene segnata per mia fortuna da bolli bianchi anche se sporadici...sono ora su un sentiero segnato G.V.O., già in parte percorso e quindi conosciuto.

Mi abbasso, seguendo i bolli bianchi, fino ad incontrare un bellissimo laghetto, già ammirato 6 anni fa.

Sosto un momento per fotografie e poi seguo il sentierino che in traverso ed in saliscendi supera un costone per risalire in decisa salita a dx , ora segnato da evidenti bolli bianco-rossi, mi porta nel Vallone, un’ampia conca pascoliva ad anfiteatro racchiusa a sx dal Pizzo del Vallone (2249 m) e a dx dalla Cima di Lemma orientale, dal Passo (2137 m) e Cima di Lemma (2348 m) e dal Pizzo Scala (2429 m ).

Posso ammirare in distanza una parte delle Alpi Retiche.

Dopo un buon pranzetto al sacco e un momento di relax, riprendo il cammino e in breve raggiungo il Passo di Lemma (2137 m), da dove, seguendo il sent. G.V.O., percorro la lunga cresta in saliscendi anche su facili roccette, fino a raggiungere Cima diLemma (2348 m).

Da Cima Lemma scendo al Passo di Tartano (2108 m) dove, seguendo il sent. 101, rientro alla Baita del Camoscio, contento di aver compiuto per la prima volta questo bel periplo a scavalco tra Orobie bergamasche e valtellinesi.

N. B.

Vedi la mia salita completa in vetta al Pizzo Rotondo con successiva discesa al sentiero G.V.O. e tentativo di salita al Pizzo Scala.

https://www.pieroweb.com/fotobrembane/rotondo-lemma-scala/rotondo-lemma-scala.html

Vedi la mia salita al Pizzo Scala (non dal versante sud, difficoltoso, ma scendendo prima dal Passo Tartano in Valle Lunga e salendo poi dal versante est erboso e non roccioso, se pur ben ripido nell’ultimo tratto.

https://www.pieroweb.com/fotobrembane/rotondo-lemma-scala/lemma-scala.html

Vedi pure altro tentativo di salita al Pizzo Scala non riuscito nell’ultimo tratto per passaggi difficoltosi su rocce e erba ‘festuca’ scivolosa.:

https://www.pieroweb.com/fotobrembane/rotondo-lemma-scala/lemma-scala-10dic15.html