MONTE PODONA da Salmezza il 6 gennaio 2019

0
1
1688

Alla piccola croce di cima Podona (1228 m) e alla grande croce dell’anticima (1183 m) da Salmezza il 6 gennaio 2019

PERCORSO: Consigliato per mezza giornata!

Chiesetta di S. Barnaba di Salmezza (1000 m circa > Sent. 543A- Monte Podona, cima (1228 m) con piccola croce > anticima sud (1183 m) con grande croce > cima Podona > Salmezza

DIFFICOLTA’ : E, per escursionisti, facile, anche se serve attenzione sul sentiero in cresta, a tratti impegnativo, specie tra cima ed anticima.

DISLIVELLO: positivo 252; negativo – 264

DISTANZA: Km. 3,01

TEMPI: complessive due ore e mezza

APPOGGI : all’abitato di Salmezza

ACQUA: assente

Alternativo al classico giro ad anello in Podona, partendo da Lonno, questo, partendo da Salmezza, è un percorso breve, ben realizzabile anche in mezza giornata, come abbiam fatto Debora ed io la festa dell’Epifania il 6 gennaio 2019. Giornata splendida, con cielo terso e leggero venticello di favonio. Detto fatto, subito dopo aver pranzato, ne approfittiamo per una escursione al Monte Podona , che Debora fa per la prima volta, mentre io per la quarta, pomeridiana con la prospettiva di un possibile bel tramonto ! Raggiungiamo in auto da Zogno, passando per Miragolo, Sambusita, La Passata , il piccolo borgo antico di Salmezza a circa 1000 m di quota. Prendiamo dalla strada asfaltata la stradetta sterrata per la Chiesa di San Barnaba (del XVI° secolo) dove imbocco il sentiero 534A che sale ripido per pratoni verso la cima del Podona. Man mano saliamo il panorama si apre sull’altopiano di Selvino con la Cornagera ed il Poieto a nord e sulla costiera Corna Bianca-Costone-Filaressa-Canto Alto, Linzone e pianura a sud. Superato il primo tratto di ripida salita, il sentiero, si ammorbidisce e prosegue sul filo di cresta fino a raggiungere la cima del Monte Podona (1228 m) con piccola croce. Dopo breve sosta ‘fotografica’ scendiamo, seguendo sempre il sentiero di cresta , che diviene ora più impegnativo, un po’ tortuoso, a tratti su facili roccette, tra massi con fondo pietroso-ghiaioso verso l’anticima sud, sulla quale si innalza una grande croce. Bello il panorama a est sulla sottostante Valle del Carso con la serpentina della strada a tornanti Nembro-Selvino, ad ovest verso la costiera montuosa Corna Bianca-Costone-Filaressa-Canto Alto e fino al Linzone con vista anche verso il Resegone, le Grigne e , in lontananza le Alpi e oggi, gli Appennini ! Grande la croce dell’anticima (1183 m) che sorge su un piccolo pianoro panoramico, con piastra d’orientamento e sedili-panche in legno, luogo di sosta dei molti escursionisti che frequentano il Podona. Sosta prolungata fotografica prima di risalire alla cima del Podona per rientrare a Salmezza, seguendo il percorso di andata. Intanto il sole si abbassa all’orizzonte all’imbrunire e possiamo ammirare dalle creste del Podona rientrando a Salmezza uno splendido coloratissimo tramonto ! Bella, panoramica escursione, facile, anche se serve attenzione sul sentiero in cresta, a tratti impegnativo, specie tra cima ed anticima, fattibile comodamente in mezza giornata !

Per notizie Salmezza vedi: http://it.wikipedia.org/wiki/Salmezza Il piccolo borgo di Salmezza si trova in una conca naturale situata ad un’altezza di circa 1.000 m.s.l.m. tra il monte Podona ed il monte Filaressa, rilievi posti sul versante orografico destro della val Seriana. Poco distante dall’altopiano di Selvino e dallo spartiacque con la val Serina (tributaria della val Brembana), conserva le caratteristiche di borgo alpino con cascinali ed abitazioni rustiche, muri in pietra a secco ed ampie distese erbose, il tutto inserito in un contesto naturalistico d’alto profilo. Il nucleo abitativo è dominato dalla piccola chiesa di san Barnaba che, edificata nel corso del XVI secolo, fa da sempre riferimento alla parrocchia di Selvino. La rete viaria di Salmezza è molto semplice e composta da due sole vie d’accesso: una proveniente da Selvino e l’altra da Sambusita (frazione di Algua). Vi sono inoltre numerosi sentieri e mulattiere, che collegano la località con Lonno,Monte di Nese, Miragolo (frazione di Zogno) e Sambusita. Se il presente vede Salmezza come piccola frazione quasi disabitata e dimenticata, il passato rivela invece un borgo florido percorso da traffici commerciali fin dall’epoca medievale. Da questi luoghi passava difatti la via Mercatorum, utilizzata da commercianti e viandanti per raggiungere la val Brembana, in quei tempi difficilmente raggiungibile utilizzando gli impervi sentieri del fondovalle. Questa strada lastricata si sviluppava nel suo tratto iniziale in val Seriana: dopo aver raggiunto il paese di Nembro, guadagnava quota toccando Lonno, da cui si saliva fino a Salmezza. Da qui In breve si giungeva a Selvino, per poi scendere verso Trafficanti (frazione di Costa Serina) e quindi giungere a Serina.