Una notte al Rifugio Brioschi

0
2
775

Giorno: 09 Marzo 2019:

Sveglia ore 04:00

Partenza da Bergamo ore: 04:40

Arrivo a Balisio (tra Ballabio e Pasturo) ore 06:30 (ci siamo persi a Pasturo per trovare le giuste indicazioni.)

Arrivati alla chiesetta di Sacro Cuore, iniziamo a incamminarci lungo la carrozzabile fino al primo rifugio Pialeral (raggiunto alle ore) ore: 07:42.

Da qui, le indicazioni per il Rifugio Brioschi iniziano ad essere chiare e ci incamminiamo verso il Bivacco Riva Girani (ore: 09:04).

Luogo ideale per riprendere fiato e pare tutto il materiale (ramponi e piccozza) per affrontare il Muro del Pianto: la parete più dura e impegnativa del percorso con una pendenza che varia dai 35 ai 40 gradi co dislivello di 400 metri.

Dopo circa 30 minuti buoni, iniziamo ad affrontare il Muro del Pianto provando tantissima fatica fermandoci più volte..

(sinceramente ho pensato più volte di abbandonare..)

Arrivati in cima alla cresta (alle 10:56!) la fatica è stata ripagata dal panorama surreale e maestoso! Solo chi ci è stato può comprendere il vero scenario. Una breve pausa per riprendere fiato e fare due scatti di ricordo per poi riprendere il sentiero lungo il crinale verso orami il tanto atteso Rifugio.

Da qui prestiamo molta attenzione visto che il sentiero prosegue sul crinale in salita con strapiombi da brividi sulla destra.

Alle 11:42 arriviamo finalmente alla famosissima croce di vetta completamente congelata e cristallizzata dal vento.

A mezzogiorno, completamenti provati, raggiungiamo il Rifugio Brioschi (pochi metri sotto la croce) dove i gestori ci accolgono con grande calore!

La felicità di aver raggiunto il traguardo è immensa e il tutto è ripagato non solo dalla gente del rifugio ma anche dallo spettacolo inaspettato da ogni punto di vista del rifugio.

Dopo aver pranzato, dall’ultimo momento decidiamo di pernottare al rifugio per poter ammirare il tramonto la notte stellata e l'alba! Perché parlando con i gestori ci hanno consigliato vivamente di provare questa esperienza.

Non credo che servano ulteriori descrizioni, le fotografie parlano da sole! È chiaro che abbiamo assistito a una delle tante meraviglie della Lombardia!


Giorno 10 Marzo 2019

Sveglia alle 5:30 per assistere l’alba!

L’alba è stata spaziale: Colori caldi e freddi hanno regalato uno scenario di un altro mondo..

Alle 07:30 facciamo un’abbondante colazione, chiacchierando ma soprattutto ringraziando i gestori per gli ottimi consigli.

Alle 8:30 con tanta tristezza, salutiamo i gestori e iniziamo la discesa abbandonando alle nostre spalle il rifugio.

Dopo 1 ora e 31 minuti raggiungiamo l'auto e con ultimo sguardo verso la Grignetta e Grignone ricordiamo la fantastica esperienza vissuta!


Ora possiamo dire con tanta grinta: sono stato al Brioschi!

Ricorderò questa esperienza sia per il percorso veramente difficile ma soprattutto per i paesaggi spettacolari e tutte le persone incontrate sul percorso e al Rifugio. 


Ringrazio di cuore il mio amico Nicola Ubiali che mi ha accompagnato in questa avventura fantastica aiutandomi notevolmente in situazioni particolari!


Marin Forcella