MONTE DISNER (1342 m) da Cusio il 12 settembre 2019

0
0
2257

Percorso:

Salita: Cusio-inizio stradetta gippabile-sent. 105° (1056 m) > Oratorio di San Giovanni Battista (1125 m) > Monte Disner (1342 m)

Discesa: stesso percorso di salita in senso inverso

Dislivello: positivo 293 m, negativo -319 m

Distanza: 4 km

Difficoltà. E (Escursionisti) con brevi tratti ripidi e livemente esposti in vetta

Tempi: ore 2 circa

Acqua presente alla fontana dell’Oratorio di S. Giovanni Battista

Escursione fattibile in mezza giornate e poche ore

Mia prima salita in vetta al Monte Disner (1342 m) in solitaria !

Cima ben conosciuta visivamente tutte le volte che son passato in auto da S. Brigida a Cusio e al soprastante Colle della Maddalena per salire ai Piani dell’Avaro.

Stavolta mi son deciso finalmente a salirlo, scegliendo la via più facile e breve tanto per ‘curiosare’ in zona Monte Disner-Pizzo di Cusio.

Raggiungo quindi in auto in Alta Val Brembana ( da Piazza Brembana-Olmo al Brembo-Averara) S. Brigida , dove , superata la chiesa parrocchiale, mi fermo all’altezza del cimitero a osservare bene e fotografare il versante est del Monte Disner con davanti la bella storica Chiesa-Santuario dell’Addolorata.

(Per dettagli vedi qui:

http://www.altobrembo.it/temi/antica-chiesa-santuario-delladdolorata/)

Ho poco tempo a disposizione e quindi raggiungo Cusio per salire al Monte Disner dal percorso più breve che io conosca, quello dal versante ovest, partendo da Cusio.

Superato l’abitato del centro di Cusio alla prima curva, parcheggiata l’auto in uno slargo successivo della strada, imbocco sulla sinistra la stradetta gippabile ben segnalata per l’Oratorio di S. Giovanni Battista, segnalata anche come tratto del Sentiero 105C-‘Giro del Monte Disner’ e del 105A-‘Giro del Pizzo di Cusio’.

In circa 20’ raggiungo la bella chiesetta dell’Oratorio di San Giovanni Battista , risalente al sec. XIV che conserva affreschi del Baschenis datati 1574, posta sulla selletta tra il Monte Disner e il Pizzo di Cusio, caratterizzata da una bella pozza d’acqua.

Purtroppo la chiesetta è chiusa e ne posso ammirare soltanto l’esterno.

(Per una dettagliata descrizione vedi qui:

http://www.altobrembo.it/temi/oratorio-di-san-giovanni-battista/)

E ne riporto la descrizione:

“L’Oratorio di S. Giovanni Battista si trova lungo l’antica strada che collegava Cusio con Ornica, sul bordo della sella del passo e davanti il piano dove per secoli i boscaioli producevano il carbone di legna. La chiesa, trasformatasi nell’odierno oratorio, è documentata fin dal medioevo. L‘impostazione di edificio romanico, con un bel portale in pietra, piccole finestre, per una luce soffice e diffusa, un leggero tetto a capanna ed un campanile proporzionato per altezza e snellezza, è comune alle antiche chiese dell’Alta Valle. L’interno è ad aula semplice e squadrata e salendo due gradini si accede al presbiterio con volte unghiate.

Molto bello il ciclo degli affreschi che ornano l’arco trionfale e il presbiterio, semplici nelle scene, spontanei nelle descrizioni e freschi nelle immagini. Sono opera di Cristoforo Baschenis, detto il Giovane (1561-1626), uno dei tanti frescanti della Valle ed eseguiti nel 1583. All’arco trionfale è rappresentata l‘Annunciazione e sul presbiterio scene della vita di S. Giovanni, oltre le figure di S. Maria Maddalena, S. Margherita, S. Francesco e S. Antonio. Lungo la navata si può ammirare l’affresco di una bella Madonna con il nome dell’offerente e l’anno 1581. La predella, unica parte rimasta dell’antico altare, è opera d’intarsio dell’artista locale Antonio Rovelli (1640-1710) come il credenzone in sacrestia.”

Imbocco poi, a sinistra , seguendo le indicazioni, il sentiero per la cima del Monte Disner, segnalato a mezz’ora di cammino.

Seguo il sentiero che, ben tracciato, si snoda lungo il lato destro della dorsale ovest della montagna in costante decisa salita fino a proseguire con alcuni tornanti a guadagnare un’anticima (1300 m circa), che, terminato il bosco, permette di allargare la vista verso la sottostante Val Stabina con vista sulle cime del Venturosa, Baciamorti, Cornetta e verso lo Zuccone Campelli.

Dall’anticima alla cima il sentiero, che si è ben ristretto, continua in saliscendi, sul crinale panoramico sulle montagne circostanti fino a concludersi, con un’inpennata finale, a raggiungere la cima del Monte Disner ( 1342 m).

Bellissimo il panorama, tanto più se rapportato alla modesta quota di questo monte !

Poco sotto la cima , sul versante est, su un piccolo pianoro erboso, dove si può sostare, è posta una bella croce, da dove si può ben vedere, a precipizio, la sottostante Santa Brigida.

La vista spazia a 360° sull’Alta Val Brembana, da un lato dal Tre Signori fino al Menna-Arera, dall’altro dal Venturosa allo Zuccone Campelli.

Dopo breve sosta, discendo, rifacendo in senso inverso il percorso di salita, all’Oratorio di San Giovanni Battista, da dove rientro al punto di partenza a Cusio, contento di avere scoperto il Monte Disner, cimetta facile e breve, ma non banale, ma soprattutto panoramicissima.

Penso che risalirò in zona per percorsi più prolungati e non ridotti a poche ore pomeridiane.