Rif. Benigni con Cima Piazzotti-ValPianella-15ott21

0
0
154

RIF. BENIGNI (2222 m) con Cima Piazzotti-Valpianella (2349 m), dalla Valsalmurano sul sent. 108, partendo dalla curva degli Sciocc (1508 m) il 15 ottobre 2021

PERCORSO:

SALITA: Curva degli Siocc (1514 m) > Sul sent. 108: Casera Valletto (1625 m) - Canalino - Rif. Benigni (2222 m) > Su sent. segnalato: Lago Piazzotti > Cima Piazzotti-Valpianella (2349 m)

DISC ESA: medesimo percorso di salita in senso inverso

Vedi immagine tracciato GPS

Difficoltà: E per gran parte del percorso, tratti di media difficoltà nel ‘canalino’ per il Benigni

Dislivello: 973 m

Distanza: Km 11, 6

Tempi: complessive 5/6 ore

Acqua presente

Appoggi: Rif. Benigni se aperto

Stavolta, in solitaria, complice la bellissima giornata d’inizio ottobre, ritorno per l’ennesima volta al Benigni con salita a Cima Piazzotti-Valpianella.

Partito dalla Curva degli Sciocc (1514 m), sul sent. 108 risalgo la Val Salmurano passando dalla Casera Valletto (1625 m), dalla Fonte S. Carlo (1775 m) per poi raggiungere il Rif. Benigni (2222m), risalendo con la massima attenzione il mitico ‘canalino’ , che tutto in ombra con temperatura sottozero, mi regala, su alcuni sassi, pochi per fortuna, ghiaccio vetrato, trasparente e quindi quasi invisibile.

Raggiunto il Rif. Benigni (2222 m), salgo alla Cima Piazzotti-Valpianella (2349 m) dove sulla cima pesto la prima neve dell’anno.

Grandiosa vista panoramica che si apre a nord verso la costiera dei dirimpettai monti Giarolo-Paradiso-Trona e sulla sottostante Valle di Trona con i laghi di Trona e Zancone, ad est verso Cima Piazzotti orientale e il Torrione di Mezzaluna, a sud verso il sottostante Rif. Benigni col Lago Piazzotti e verso la costiera dei monti Valletto e Ponteranica e, oltre, verso le Alpi Retiche col Disgrazia e il Gruppo del Bernina.

La tersa giornata con ottima visibilità mi permette di scattare buone foto anche panoramiche.

Mi godo, insieme al panorama, anche un buon pranzetto al sacco e un buon momento di relax osservando famigliola di stambecchi (femmine con un piccolo) che camminano di dosso in dosso osservandomi incuriositi.

Scendo quindi al Lago Piazzotti, dove scatto foto anche panoramiche e mi godo lo spettacolo del Rif. Benigni che sembra sorgere dalla acque del lago.

Passo quindi al Rif. Benigni chiuso ormai e vado ad ammirare la piramide stilizzata posta lo scorso anno a ricordo del vescovo di Bergamo, Roberto Amadei, amante della montagna e che era salito alcune volte al Benigni.

Sulla piramide sono state incise due frasi del vescovo che ha guidato la nostra diocesi dal 1991 al 2009: «Auguro a tutti di amare la montagna»; «La strada della vita non è solo discesa. E le vette faticose da raggiungere… le sole capaci di mostrarci la preziosità dell’esistenza e l’essenziale per la vita».

Scendo rifacendo in senso inverso il percorso di salita sul sentiero 108, scendendo quindi il mitico canalino con attenzione e poi ia Val Salmurano nelle luci e nei caldi colori dell’’imminente tramonto.

Rientro alla Curva degli Sciocc, contento della bellissima giornata serena che mi ha permesso di godere appieno l’ennesima salita al Benigni e a Cima Piazzotti pestando in vetta anche un po’ di neve ed incontrando a pochi passi una bella famigliola di stambecchi.