Alla Water Week il futuro dell'acqua. E nostro

0
0
465

Quando acqua fa rima con cultura, sviluppo, salute, sostenibilità e futuro. Ma anche con clima, tecnologia e geopolitica. Argomenti seri, con risvolti a tratti drammatici, che la Water Week ha voluto affrontare anche con un pizzico di leggerezza e d’ironia.

Uniacque, gestore del servizio idrico integrato della provincia di Bergamo, ha promosso quattro giornate di incontri, approfondimenti al Teatro Donizetti sul tema "Passione e Cultura"; e visite guidate all'Acquedotto Magistrale e alla Fontana del Lantro, impreziosite dalle performance musicali coordinate dal musicista Massimiliano Milesi. La rivista Orobie è stata Media Partner dell'iniziativa. 

Giovedì 13 aprile l'inaugurazione con la lectio magistralis di Grammenos Mastrojeni, segretario generale aggiunto dell’Unione per il Mediterraneo. "Non c’è solo la siccità. Possiamo avere anche le alluvioni. - ha spiegato Mastrojeni - Uno scenario veramente ingestibile non solo per l’agricoltura ma anche per tutte le infrastrutture. Le acque del Mediterraneo sono quelle che si riscaldano più velocemente, con impatti inquietanti, dall’innalzamento del livello del mare molto rapido a 250 milioni di persone che rischiano la scarsità idrica. Il mare si sta innalzando non tanto per la fusione dei ghiacciai, quanto perché l’acqua più calda si dilata, fino a oltre un metro entro la fine del secolo, già una ventina di centimetri entro una quindicina d’anni... Abbiamo pochissimo tempo per invertire la rotta ma che ancora potremmo farcela. I mezzi ci sono, sia economici sia tecnologici. Ma se continuiamo ad aspettare siamo fritti. Stiamo assistendo a un’accelerazione rispetto agli scenari prospettati? In Pianura Padana la siccità continua dal dicembre 2021".

Sul palco del Teatro Donizetti anche il comico milanese Enrico Bertolino, con il compito di divertire sì, ma facendo riflettere. «L’acqua è una risorsa e saperla utilizzare è cultura», ha detto Bertolino nella città che della Cultura, quest’anno, è la capitale italiana. «Con Brescia, davvero? – ha chiesto scherzando –. Bella idea… la prossima la facciamo fare a Pisa e Livorno». Poi il discorso si fa serio: «Abbiamo ottomila chilometri di coste – ha ricordato il comico milanese –, ma sistemi d’irrigazione che non sappiamo salvaguardare e acquedotti che fanno acqua da tutte le parti».

E poi l’invito a rileggere e a riconsiderare la nostra storia: «Dobbiamo essere più orgogliosi di quello che sappiamo fare – ha aggiunto Bertolino –, e invece siamo sempre concentrati sulle negatività: ho lavorato all’estero e so cosa significa subire critiche o vessazioni ingiuste solo perché arriviamo da un Paese che tanti stranieri considerano sregolato. Noi nell’emergenza dimostriamo puntualmente di essere forti, ma non possiamo vivere sempre in emergenza: bisognerebbe applicare ciò che sappiamo fare quando abbiamo l’acqua alla gola – e Bergamo lo sa bene, perché qui - in piena pandemia - è stato costruito un ospedale in sette giorni – e farlo tutto l’anno».

Nei numerosi seminari e nella tavola rotonda - quest'ultima con la partecipazione del filosofo Telmo Pievani - che hanno animato la Water Week, è stato approfondito il tema dei cambiamenti climatici e le sue conseguenze: nel 2022 a Bergamo ci sono stati 93 giorni con temperature di oltre 30 gradi . Trend in crescita - in base ai dati Arpa elaborati dalla società InTwig - anche per le temperature medie annue, che sono passate dai 13 gradi del 1997 ai 16 dallo scorso anno. Per quel che riguarda le piogge, alti e bassi nel capoluogo bergamasco si sono visti negli ultimi 25 anni, ma il 2022 è stato  un anno drammatico con soli 599 millimetri di pioggia

" L'Italia intera, la Lombardia e in particolare la Provincia di Bergamo - ha spiegato il presidente di Uniacque Luca Serughetti -  stanno attraversando un momento di grande difficoltà. E sebbene non ci siano in previsione azioni di razionamento, è necessario l’uso consapevole di questo bene prezioso da parte di tutti". La nuova edizione della Water Week è nata con l’obiettivo di agevolare il dibattito tra tecnici, aziende del settore idrico e amministratori sul ruolo dell’acqua, su progetti innovativi, sul suo valore come risorsa non infinita, sulla ricerca di soluzioni e di avvicinare sempre più i nostri cittadini alla cultura dell’acqua e al suo uso intelligente, da conservare con grande attenzione". 


Dopo la tappa primaverile di Bergamo, la Water Week si sposterà nella Provincia di Brescia.