Articolo

LAGO D’ENDINE GHIACCIATO, MA NIENTE PATTINI

19 Febbraio 2013 / 11:24
0
0
331
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

LAGO D’ENDINE GHIACCIATO, MA NIENTE PATTINI

19 Febbraio 2013/ 11:24
0
0
331
Scritto da Redazione Orobie

Il lago di Endine ha una superficie pari a 2,1 chilometri quadrati, un bacino che fino agli anni Novanta, a partire dai primi di dicembre e fino a fine febbraio, ghiacciava più o meno costantemente, cominciando dalla zona di Monasterolo, la più fredda. Dal 2000 i giorni di ghiaccio della superficie lacustre sono in calo continuo. Infatti, nel 2005 per la prima volta il lago non è mai ghiacciato e anche quest’anno è andata più o meno così. Solo questa settimana, complice la nevicata di lunedì, il lago si è finalmente ricoperto di ghiaccio, dall’incile del Chiaro in su. Una tentazione per gli amanti del pattinaggio, ma guai a salirci: la superficie del lago è in gran parte di colore scuro, sottilissima. Non c’è modo di trovare un sistema per rendere sicuro il pattinaggio sul lago d’Endine, a meno di incidere in maniera significativa sulla naturalità del luogo.

Le lunghe pattinate e il passaggio facilitato da una sponda all’altra rimangono quindi un ricordo lontano, come quello conservato da Rita Giudici, la figlia dell’ultimo barcaiolo Giovanni, che negli anni ’80 e ’90 correva da una sponda all’altra trainando una «sedia-traghetto», una slitta con una sedia dove si accomodava  chi da Monasterolo voleva prendere i pullman della Busti per Bergamo e Milano. Il lago cominciava a ghiacciare a Santa Lucia e ai primi di marzo era ancora così. Ma ormai il grande freddo di un tempo è solo un ricordo e le lunghe pattinate sul lago d’Endine, inattuabili.