Articolo

QUANDO L’ARTE CONTEMPORANEA RISCOPRE LA STORIA

11 Ottobre 2013 / 12:05
0
0
208
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

QUANDO L’ARTE CONTEMPORANEA RISCOPRE LA STORIA

11 Ottobre 2013/ 12:05
0
0
208
Scritto da Redazione Orobie

Uno dei ritrovamenti archeologici più importanti fatti a Bergamo è accessibile al pubblico grazie ad un progetto espositivo, studiato appositamente per esser realizzato in questo luogo storico: si tratta della Domus Lucinae, la parte sotterranea di Casa Angelini, un’abitazione di epoca romana riportata alla luce negli anni ’60 dall’archittetto Sandro Angelini, suo proprietario. La Domus è visitabile ogni fine settimana fino al 27 ottobre in occasione del quinto appuntamento del ciclo “Contemporary Locus”, curato da Paola Tognon con la collaborazione di Paola Vischetti. L’artista internazionale Tony Fiorentino ha infatti realizzato per l’occasione un percorso artistico che attraversa l’intera abitazione, partendo dall’androne di Casa Angelini sulla cui destra è stata collocata Melancholy Rocking Horse, un’installazione che rimanda ad un antico processo alchemico, mentre i resti romani della Domus Lucinae hanno ritrovato una nuova luce grazie ad “Infernotti”, intervento con cui Fiorentino ha creato un’illuminazione apparentemente naturale, i cui chiaroscuri ed ombre scolpiscono lo spazio in modo nuovo ed originale. Un’esperienza che vale la pena sperimentare.

Per visite ed informazioni [email protected].