Articolo

Il Bepi e Turelli live alla diga del Gleno

03 Agosto 2017 / 16:30
0
0
3073
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Il Bepi e Turelli live alla diga del Gleno

03 Agosto 2017/ 16:30
0
0
3073
Scritto da Redazione Orobie

Domenica 27 agosto torna ai ruderi della diga il live "Gleno, 1 dicembre 1923". Un evento di memoria e di suffragio per una delle più grandi tragedie della montagna italiana. Una produzione artistica diversa da quella di sei anni fa, che vedrà ancora insieme il cantante Bepi ed Emanuele Turelli.

Il Bepi torna al Gleno, in Valle di Scalve, insieme alla Scuola teatro Valcamonica e al Violet Moon produzioni. Lassù, domenica 27 agosto si terrà un evento di memoria e di suffragio per una delle più grandi tragedie della montagna italiana: l’1 dicembre 1923, alle 7.15 del mattino, crollava una parte consistente della diga del Gleno, sbarramento costruito allo scopo di alimentare le centrali idroelettriche di Bueggio e Valbona e contente circa 6 milioni di metri cubi di acqua, a 1.500 metri d’altezza nella piana sottostante il monte Gleno, a Vilminore di Scalve, in provincia di Bergamo.

A cent’anni esatti dall’inizio dei lavori di costruzione di questa imponente diga, Emanuele Turelli e Tiziano Incani (Il Bepi) tornano a rappresentare il monologo “Gleno, 1 dicembre 1923” opera dello stesso Turelli, storyteller, e arricchito dall’esibizione del Bepi, in particolare dall’esecuzione del brano “Gleno” inserito nell’omonimo album del cantautore bergamasco. Accanto a loro ci saranno il chitarrista Davide Bonetti, già collaboratore di Turelli in altri suoi lavori di storytelling, e Claudio Cominardi, coordinatore tecnico dell’operazione. Alle 10 di domenica 27 agosto si alzerà quindi il sipario su uno dei racconti artistici più apprezzati e significativi della narrazione civile italiana.

Il racconto, creato nel 2009 e incrociato da Turelli e il Bepi con l’arricchimento musicale l’anno successivo, ha visto 22 esibizioni pubbliche in Lombardia e Trentino Alto Adige registrando oltre 20 mila spettatori. Una di queste esibizioni, il 6 agosto 2011, venne fatta proprio alla diga, ai ruderi del manufatto e siglò la collaborazione fra i due artisti che fra poche settimane si ripresenteranno di fronte ai muri scrostati dei resti di quel muro di sbarramento. Ma la differenza rispetto a quell’evento è proprio insita nella volontà che ha spinto Turelli, il Bepi e i loro collaboratori a proporre questo tipo di evento: gli artisti si sono messi a disposizione gratuitamente per poter ripetere l’operazione, in un’ottica di “responsabilità sociale” con l’unico intento di continuare a tenere accesi i riflettori sulla tragedia che fu spartiacque sia per la Val di Scalve che per la Val Camonica. All’appello di Turelli e del Bepi hanno risposto aziende private, enti locali, associazioni, consorzi che hanno garantito, a vario titolo, la copertura delle spese vive dell’evento e che hanno permesso in un “patto di territorio” di proporre una manifestazione che si appresta a divenire di grande richiamo.

Si salirà in quota al mattino presto lungo i sentieri che accompagnano al Gleno. Il racconto, della durata di un’ora e mezza circa, sarà un susseguirsi di fatti e aneddoti, arricchiti dalle esibizioni di Bonetti e del Bepi, e narrerà della genesi della diga, dei tre elementi di debolezza che Turelli indica come cause principali della tragedia, entrerà nell’atmosfera delle settimane e dei giorni precedenti al crollo e si chiuderà con il racconto di quei terribili minuti in cui 6 milioni di metri cubi di acqua devastarono le due valli sottostanti. Grazie a questo racconto e al suo costante impegno di memoria anche su altre tematiche, Turelli è stato insignito, nel 2015, con la presenza sul libro storico dell’Università degli studi di Brescia dall’allora rettore Pecorelli, commosso dopo un estratto di recitazione di questo racconto nel corso di una manifestazione nel cuore di Brescia.

L’organizzazione dell’evento si avvale di un grande sforzo da parte degli enti locali e delle aziende private ed è a cura della Scuola Teatro Valcamonica e di Violet Moon, la prima accademia di formazione teatrale guidata da Andrea Abondio, astro nascente del teatro italiano e la seconda associazione di produzione dei lavori di Turelli e di altri artisti.

Sarà una produzione artistica molto diversa a quella di 6 anni fa: più numerosi gli interventi musicali del Bepi, il racconto è maturato ed è stato ottimizzato durante questi anni e al posto dei visual filmati utilizzati per la versione “acustica” (impossibili da esibire in un contesto naturale) sono state inserite tre coreografie di danza moderna (ideate insieme a Viviana Podavini, insegnante formatasi all’Accademia nazionale della danza di Roma e perfezionatasi all’Accademia Teatro alla Scala) che vedranno esibirsi Viola Turelli, danzatrice. La partecipazione all’evento è libera e gratuita.


Correlati

Vivione, si lavora, ma tempi incerti sulla riapertura

Vivione, si lavora, ma tempi incerti sul...

Sono stati affidati i lavori sulla strada del Vivione, tra la valle di Scalve (Bergamo) e la valle Camonica (Brescia), dopo la frana scesa lo ...

Articolo
Incisioni rupestri, anniversario in musica in valle Camonica

Incisioni rupestri, anniversario in musi...

Più di 100 sono gli anni trascorsi dalla scoperta della "prima preda dei pitoti" a Cemmo (Brescia), in valle Camonica, 40 dall’inserimento delle ...

Evento
Note verso il cielo al rifugio Sev

"Note verso il cielo" al rifugio Sev

Appuntamento con la 2.a edizione di "Note verso il cielo" al rifugio Sev della Società escursionisti valmadreresi, all'alpe Pianezzo ai Corni di ...

Evento
Colere, un libro ricorda Placido Piantoni

Colere, un libro ricorda Placido Piantoni

Un libro per ricordare Placido Piantoni, che tanto ha dato al suo paese, Colere, in Valle di Scalve (Bergamo). A quarant'anni dalla morte, l ...

Evento