Articolo

Sedicimila km in Cina per il Kapriol Team

09 Novembre 2017 / 20:15
0
0
1032
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Sedicimila km in Cina per il Kapriol Team

09 Novembre 2017/ 20:15
0
0
1032
Scritto da Redazione Orobie

Il “Ragno di Lecco” Luca Schiera ha raccontato la spedizione compiuta in occasione del 90° di fondazione della Morganti Kapriol Spa. Con lui c’erano Corrado Korra Pesce e Roland Hemetzberger.

“È stata un’avventura senza dubbio affascinante, che ci ha permesso di scoprire tutta l’area a sud della Cina, ricca di montagne in molti casi inesplorate e di pareti che, seppur già salite e in parte attrezzate, sono davvero straordinarie. Ci siamo divertiti e ci siamo messi alla prova soprattutto sulle falesie. Purtroppo le mete che ci eravamo prefissi inizialmente non le abbiamo potute raggiungere, a causa sia del divieto delle autorità locali, sia di un inatteso prolungarsi della stagione dei monsoni. Ma è stata un’esperienza importante per il Kapriol Team, perché ci ha permesso di conoscerci e misurarci in una spedizione così avventurosa”.

Così Luca Schiera, del gruppo alpinistico dei Ragni di Lecco, ha illustrato, in un incontro nella sede della Morganti Spa di Civate (Lecco), gli aspetti salienti della spedizione che ha portato – nel 90° dell’azienda lecchese – il “Kapriol Team” in Cina, dove ha percorso quasi 16 mila chilometri. A far parte del Team, insieme a Luca Schiera, l’alpinista francese Corrado Korra Pesce e il tedesco Roland Hemetzberger, protagonista per altro proprio nelle scorse settimane di un’impresa eccezionale, ovvero la ripetizione della Wogu, in Svizzera, la via più difficile al mondo.

“La nostra prima tappa è stata nello Yunnan, nel sud della Cina, dove si trovano montagne granitiche da 5.000 e 6.000 metri di altezza – ha raccontato Luca Schiera –. Dopo poco, abbiamo capito che non eravamo i benvenuti, forse perché i cinesi, essendo molto nazionalisti, vogliono che i primi a scalare queste montagne e ad aprire nuove vie siano degli alpinisti locali. Così ci siamo spostati a est, dove abbiamo avuto modo di misurarci con il grande arco di Getu. Stiamo parlando di un tunnel di calcare alto circa 150 metri, con vie da 5-6 tiri in verticale, che partivano dall’interno di questa enorme grotta, per poi arrivare a 3-4 tiri sul soffitto orizzontale. Una vera e propria meraviglia naturale, piena di stalattiti. Stiamo parlando di tiri con punte da 8a ad 8c”.

Da lì il Kapriol Team si è spostato nel parco dello Zhangjiajie, una enorme vallata contrassegnata da moltissime torri in arenaria: “Dalla nebbia emergeva questo paesaggio fatto da torri naturali, che ricordavano il paesaggio di Avatar, il film che proprio in queste zone è stato girato”. Infine, dopo due giorni di viaggio, la tappa nello Yangshuo, a sud: “È una pianura ricca di panettoni di roccia granitica. Forse la più importante area per l’arrampicata dell’Asia, a poca distanza da Guilin. Una natura selvaggia e incontaminata, praticamente inesplorata”.

Sin qui il racconto di Luca Schiera, accompagnato dalle suggestive immagini e dai video di Achille Mauri. È toccato quindi a Franco Morganti, amministratore delegato di Morganti Kapriol Spa, ricordare il significato di questa spedizione, in occasione dei 90 anni di storia dell’azienda: “C’è un forte parallelismo tra la nostra attività e quella di chi va in montagna – ha spiegato –. Noi siamo nati in Valsassina, nelle montagne lecchesi rese celebri dalle imprese dei Ragni della Grignetta. Inoltre, da quando abbiamo affiancato alla produzione di utensili e attrezzature per l’edilizia anche l’abbigliamento da lavoro e i dispositivi di sicurezza per il lavoro in altezza, abbiamo riscontrato la similitudine tra i protagonisti di questi due mondo, chiamati a misurarsi con gli agenti atmosferici. Inoltre vi sono i valori comuni tra la nostra azienda e l’alpinismo, a cominciare dall’attenzione per l’uomo e dal rispetto per la natura. Tutte considerazioni che ci hanno spinto a promuovere la nascita del Kapriol Team e a promuovere questa spedizione, che vuol essere l’inizio di un percorso da sviluppare. Vogliamo infatti che il Kapriol Team possa diventare, prima ancora che un ambasciatore, un tester di alcuni nostri prodotti, pensati per chi vive outdoor”.

L’incontro a Civate è stato anche l’occasione per presentare il nuovo modello di calzatura che Kapriol sta realizzando insieme a Michelin: “È il primo frutto dell’impegno del ‘Kapriol Lab’, struttura di ricerca e sviluppo, oltre che di laboratorio di controllo qualità, che inaugureremo ufficialmente nel prossimo mese di gennaio – ha spiegato Franco Morganti –. L’abbiamo presentata in anteprima ad A+A, la fiera per la sicurezza svoltasi a Dusseldorf. Lo pneumatico è Michelin ed è realizzato con un battistrada che segue le linee guida di uno dei pneumatici di punta di questo marchio internazionale, con elevato grip e grandi prestazioni di antiscivolamento. Sopra una doppia iniezione di Eva per renderla più flessibile. Abbiamo lavorato sui dettagli per darle un look sportivo e sulla tomaia, per rinforzare le cuciture e accrescerne la resistenza”.







Correlati

Luca Schiera si racconta a Storie di sport

Luca Schiera si racconta a "Storie di sport"

Ospite speciale questa settimana a "Storie di sport", l'iniziativa di df Sport Specialist che dà voce ad atleti di diverse discipline.E' l'appuntamento ...

Articolo
Luca Schiera è il nuovo presidente dei Ragni

Luca Schiera è il nuovo presidente dei Ragni

L’assemblea dei Maglioni Rossi ha rinnovato il direttivo e sancito l’ammissione di tre nuovi soci.Il testimone della guida del Gruppo alpinistico Ragni ...

Articolo
Il regalo di Berna, nuova via dei Ragni sulle Grandes Jorasses

"Il regalo di Berna", nuova via dei Ragn...

Sul Monte Bianco una via in ricordo del "Ragno" Matteo Bernasconi, morto in seguito a una valanga nel maggio 2020. "Assieme alla sua preziosissima ...

Articolo
A Erba una serata dedicata alle imprese di montagna

A Erba una serata dedicata alle imprese ...

Due alpinisti si raccontano attraverso le  loro imprese in montagna. Protagonisti, mercoledì a Erba, saranno Luca Schiera e Achille Mauri.Mercoledì 29 gennaio alle 21 ...

Evento