Articolo

Tolle, falò e canti, ma quest'anno l'inverno è da chiamare non da scacciare

29 Gennaio 2019 / 13:00
0
1
289
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Tolle, falò e canti, ma quest'anno l'inverno è da chiamare non da scacciare

29 Gennaio 2019/ 13:00
0
1
289
Scritto da Redazione Orobie

Quest’anno i riti di fine inverno potrebbero arrivare proprio alla vigilia delle prime vere nevicate della stagione. I campanacci suoneranno in molte località lombarde, ma questa volta l'inverno è da chiamare non da scacciare. 

A Tirano giovedì 31 gennaio si rinnova la tradizione de "Tirà li tòli", per svegliare la primavera scuotendo barattoli e lattine. Un'abitudine legata al mondo contadino che attendeva con trepidazione l'arrivo di una stagione più clemente per tornare a coltivare la terra. A partire dalle 20 i bambini e i ragazzi della città percorreranno le contrade scuotendo lunghe file di rumorosi "toli". Saranno allestiti cinque punti di ristoro per partecipanti e visitatori. 

L'ultimo giovedì di gennaio, inoltre, si brucia la Giubiana. In molte località lombarde si accenderanno i falò propiziatori, dando fuoco al fantoccio della cortigiana malvagia, come raccontano le leggende. Dalla Brianza a Varese la tradizione si rinnova ogni anno in paesi e città e i roghi  - accompagnati dalla degustazione del risotto - proseguiranno anche nel fine settimana.

In questi giorni rieccheggiano anche i Canti della Merla sulle rive dell'Adda, in particolare a Crotta d'Adda. Da martedì a giovedì appuntamento alle 21 sulle sponde del fiume. E giovedì dalle 19 alle 23 in via Porto si terrà anche il Mercàat de la mèerla e al termine della serata falò della vecia

Il 31 gennaio ad Ardesio, in alta Valle Seriana,  si caccia il "Gennaione". La "Scasada del Zenerù" avviene grazie a un chiassoso corteo con raganelle e campanacci che insegue il carro con il grande fantoccio che simboleggia l'inverno e che, di anno in anno, assume fogge diverse. 

Alle 11 nella Sala consiliare si svolgerà Il Processo del Zenerù da parte degli alunni di quinta elementare. Alle 20 partenza del corteo dal piazzale del ponte RinoAl termine Falò del Zenerù, vin brulè e frittelle per tutti! 


Correlati

Ciamà l'erba, è già tempo di svegliare la primavera

"Ciamà l'erba", è già tempo di svegliare...

Con l'arrivo di marzo si rinnova una bella tradizione diffusa nelle valli lombarde: "Ciamà l'erba", per risvegliare la primavera.E' una tradizione contadina ...

Articolo
Tolle, falò e canti, ma quest'anno l'inverno è da chiamare non da scacciare

Tolle, falò e canti, ma quest'anno l'inv...

Quest’anno i riti di fine inverno potrebbero arrivare proprio alla vigilia delle prime vere nevicate della stagione. I campanacci suoneranno in molte località lombarde ...

Articolo
Ardesio, rivive la Scasada del Zenerù

Ardesio, rivive la Scasada del Zenerù

Il 31 gennaio, su iniziativa della Pro loco, nel paese dell’alta Valle Seriana, nella Bergamasca, torna la «cacciata di Gennaione» e, con lui, dell ...

Evento
Ardesio prepara la Scasada del Zenerù

Ardesio prepara la "Scasada del Zenerù"

Nel paese dell'alta Valle Seriana (Bergamo) torna il 31 gennaio la tradizionale "Scasada del Zenerù", uno dei riti propiziatori alla conclusione dell'inverno. Un ...

Evento