Articolo

Della Bordella e Lanzetta sulla Via dei Ragni al Cerro Torre

12 Marzo 2019 / 14:45
0
0
929
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Della Bordella e Lanzetta sulla Via dei Ragni al Cerro Torre

12 Marzo 2019/ 14:45
0
0
929
Scritto da Redazione Orobie

Matteo Della Bordella e Nicola Lanzetta hanno ripetuto la mitica Via dei Ragni al Cerro Torre. Ecco il loro racconto, intriso dalla tristezza per la morte di Daniele Nardi e Tom Ballard sul Nanga Parbat.

"Non è facile parlare di questa nostra ultima salita, quando dopo 10 giorni di isolamento dal resto del mondo, torni alla civiltà e ricevi una notizia che pesa come un macigno, come quella di Daniele e TomDaniele per me era un amico e lo era anche per molti del nostro gruppo": così Matteo Della Bordella, presidente dei Ragni di Lecco, inizia il racconto dell'ultima impresa in Patagonia. 

I Maglioni Rossi hanno voluto tornare sulla Via dei Ragni al Cerro Torre, per un film su Casimiro Ferrari.Il progetto prevedeva la salita da parte di due cordate distinte: la prima composta da Matteo Pasquetto e dal cameraman Jonathan Griffith, la seconda composta da Della Bordella e da Nicola Lanzetta, figlio di Mimmo, uno dei Ragni che hanno preso parte alla spedizione del 1974, pur senza raggiungere la cima del Cerro Torre

Purtroppo il team ha dovuto fare i conti con maltempo e altri pesanti contrattempi e soltanto Matteo e Nicola hanno affrontato la salita, con molte sorprese emozionanti a partire dal crepaccio sotto l'Elmo nel quale hanno trovato riparo, lo stesso che Mario Conti aveva descritto dopo l'impresa del '74. 

Una via impegnativa e psicologica, la descrive il presidente dei Maglioni Rossi  che scrive: "A ogni tiro ci stupiamo di quanta arditezza e coraggio avessero avuto Casimiro Ferrari, Mario e gli altri Ragni del ’74 a salire da quella linea con le attrezzature di allora e con condizioni ben più difficili".

Un successo che unisce passato e presente: il sogno di bambino di Nicola, nato dai racconti del padre, l'omaggio ad alpinisti coraggiosi e la conferma che la passione alpinistica è più viva che mai.


Correlati

Stile alpino: Premio del Lecco Mountain Festival

Stile alpino: Premio del Lecco Mountain ...

Mercoledì 1 dicembre la serata conclusiva del Lecco Mountain Festival con l'assegnazione del Premio Stile Alpino."Elements of life", la nuova via aperta dalla ...

Articolo
Ragni in trasferta in Bulgaria

"Ragni" in trasferta in Bulgaria

In Bulgaria c’è una parete che "parla" italiano. È la nuova falesia attrezzata dai Ragni di Lecco e dai climber locali nell’ambito ...

Articolo
Della Bordella, kayak e pareti in Groenlandia

Della Bordella, kayak e pareti in Groenl...

Esplorazione trai i ghiacci e pareti per Matteo Della Bordella dei Ragni di Lecco, Silvan Schüpbach e Symon Welfringer.I tre hanno aperto una nuova ...

Articolo
Addio all'alpinista Ernesto Panzeri

Addio all'alpinista Ernesto Panzeri

Lutto nel mondo della montagna per la morte di Ernesto Panzeri, tra i fondatori del Gruppo alpinistico Gamma.Si è spento all’età di 77 ...

Articolo