Articolo

La Regione premia la montagna

13 Settembre 2019 / 19:45
0
2
732
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

La Regione premia la montagna

13 Settembre 2019/ 19:45
0
2
732
Scritto da Redazione Orobie

Una delegazione del Consiglio lombardo, guidata dal presidente Alessandro Fermi, ha visitato i monti, gli alpeggi e il rifugio Tagliaferri, tra le valli di Scalve e di Belviso. Il progetto bergamasco Save the mountains sarà esteso a tutta la Lombardia.

Hanno trascorso una giornata sulle montagne tra la Valle di Scalve e la Valle del Belviso per promuovere e valorizzare i territori alpini e sostenere la gente che in montagna vive e lavora. L’iniziativa è stata promossa dal Cai di Bergamo e dal suo presidente Paolo Valoti nell’ambito del progetto Save the mountains. Valoti era presente insieme ai due vice Gege Agazzi e Mina Maffi

I vertici del Consiglio regionale della Lombardia per un giorno sono stati impegnati a scalare le Orobie, riconoscendo e testimoniando da vicino il grande valore e l’importanza di alpeggiatori e rifugisti, imprescindibili presidi culturali e fondamentali sentinelle di sostegno e supporto per chi sale in montagna.

A guidare la delegazione il presidente del Consiglio regionale, Alessandro Fermi, insieme ai consiglieri Giovanni Malanchini, Dario Violi e Paolo Franco. Sono intervenuti anche Stefano Savoldelli come delegato alla Montagna della Provincia di Bergamo e Anselmo Agoni per la Comunità montana di Scalve.

Ha sottolineato Fermi dopo aver visitato a 1.906 metri la malga Demignone, nella località valtellinese di Teglio, e il rifugio Nani Tagliaferri, in Valle di Scalve, che con i suoi 2.328 metri è il più alto delle Orobie: «Ho incontrato persone animate da grande passione e di straordinaria umanità. Regione Lombardia e il Consiglio regionale sono e saranno sempre più attenti e vicini a queste realtà, e non a caso in questa legislatura abbiamo istituito sia un assessorato specifico alla Montagna che una Commissione speciale focalizzata sulle tematiche montane. Ora parte un percorso di ascolto e confronto istituzionale concreto con tutte le realtà che in montagna vivono, la frequentano e la amano, consapevoli che è nostro obiettivo e dovere garantire un futuro alle nostre “sentinelle” montane, a cominciare soprattutto dagli alpeggi e dai rifugi alpini».

Alla malga Demignone ad accogliere la delegazione istituzionale sono stati il malgaro Pierulì Piero Marchesi, 63 anni, con i suoi aiutanti, Guido Arrondini, di 76, e Achille Pedrocchi, di 83, intenti a preparare burro e formaggio. Per loro sono gli ultimi giorni di permanenza in quota nella Valle del Belviso, dove domenica scorsa è già scesa la neve: nei prossimi giorni cominceranno a scendere con la loro mandria, circa 35 tra vacche Brune alpine da latte e manzette.

Di «stagione particolarmente positiva» ha parlato Cesco Tagliaferri, storico gestore dell’omonimo rifugio. Rinomato e conosciuto per la sua bravura in cucina e la sua straordinaria ospitalità, Tagliaferri ha ricordato l’importanza e il ruolo dei rifugisti non solo in termini di ricovero e servizio, ma anche e soprattutto di primo soccorso nel caso di incidenti o necessità per gli escursionisti.

Il presidente Fermi e i consiglieri regionali presenti hanno voluto simbolicamente premiare alpeggiatori e rifugista consegnando loro un gagliardetto del Consiglio lombardo, così da testimoniare la presenza e la vicinanza in quota dell’istituzione. 

Al rifugio Tagliaferri i partecipanti all’iniziativa hanno quindi sottoscritto un impegno formale a sostenere e tutelare i presidi montani e la gente di montagna, raccogliendo così l’invito del presidente del Cai Paolo Valoti di estendere il progetto Save the mountains su tutte le montagne di Lombardia. «Con i kit degli ambasciatori delle montagne, tuttora in distribuzione al Palamonti nella sede del Cai di Bergamo – ha ricordato – abbiamo raccolto già 10 mila euro che serviranno, attraverso uno specifico bando, a sostenere i giovani in attività imprenditoriali alpine, consapevoli dell’importanza e della necessità di favorire e assicurare il ricambio generazionale».


Correlati

Giugno è in edicola, riavvicinare il territorio in compagnia di Orobie

Giugno è in edicola, riavvicinare il ter...

Ripartiamo alla scoperta delle tante sorprese della Lombardia più bella. Facciamolo in compagnia della rivista Orobie. E' nelle edicole il numero di giugno 2020, un ...

Articolo
Orobie di giugno è online, le mete della ripartenza

Orobie di giugno è online, le mete della...

E' già possibile sfogliare la versione digitale con tante proposte per questo periodo, che segna la ripartenza dopo il lungo periodo di stop.Abbiamo vissuto ...

Articolo
Orobie Extra. In bici con il Guerriero

Orobie Extra. In bici con il "Guerriero"

In bicicletta in valle Brembilla, ci accompagna il campione di ciclismo Fausto Masnada. La pedalata con i nostri Maurizio Panseri e Luca Merisio la ...

Articolo
Magnodeno, la montagna e la sua storia a Orobie Extra

Magnodeno, la montagna e la sua storia a...

Magnodeno, più di un'escursione,un tuffo nella storia. Accompagnati dallo scrittore Casto Pattarini, ripercorriamo mille anni di storia tra lago e montagna. E a ...

Articolo