Articolo

Si conclude un'altra estate da "Pasturs"

03 Settembre 2019 / 11:11
0
0
419
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Si conclude un'altra estate da "Pasturs"

03 Settembre 2019/ 11:11
0
0
419
Scritto da Redazione Orobie

Si conclude con successo la quarta stagione del progetto che porta i giovani ad affiancare i pastori negli alpeggi. 

50 volontari, 9 alpeggi delle Orobie bergamasche e un obiettivo comune: migliorare la convivenza tra pastori e grandi predatori mitigando il rischio di possibili predazioni sul bestiame. Il progetto Pasturs è stato organizzato per il quarto anno dalla Cooperativa Eliante Onlus, in collaborazione con Coldiretti Bergamo, Wwf Bergamo – Brescia e Parco delle Orobie Bergamasche, con il supporto di Regione Lombardia – progetto Life Gestire 2020 "Natura che Vale", progetto Life EuroLargeCarnivores e AlmoNature – Fondazione Cappellino.

Dopo aver seguito due giornate di formazione 50 volontari, provenienti da tutt'Italia da Olanda e Svezia, hanno trascorso da 1 a 3 settimane, nel periodo tra giugno e settembre, in alpeggi della provincia di Bergamo, aiutando il pastore nel suo lavoro. In particolare, i volontari si sono occupati della sorveglianza del gregge, di montare e smontare le recinzioni elettrificate, hanno aiutato i pastori nella gestione dei cani, sensibilizzato i turisti sulle tematiche di biodiversità oltre ad essere stati di aiuto nelle faccende quotidiane (cucinare, accendere il fuoco, fare il fieno, aiuto nella gestione delle pecore malate). Inoltre, gli studenti universitari hanno avuto la possibilità di effettuare un tirocinio e di rendere l’esperienza protagonista della loro tesi di laurea.

Gli alpeggi coinvolti sono: Alpe Cardeto di Renato Balduzzi, Alpe Vodala di Silvestro Maroni, Alpe Grabiasca di Fabio Boni, Alpe Zo di Massimo Balduzzi, Alpe Fontana Mora di Aldo Pasini, Alpe Neel di Pietro Zucchelli, Alpe Manina di Andrea Morelli, Alpe Venano di Giuseppe Salvi, Alpe Flesio di Massimo Biondi con ben 7000 ovini di razza pecora bergamasca, 313 caprini, 284 bovini, 72 equini.

Anche i pastori hanno seguito un corso di formazione e hanno ricevuto in concessione gratuita recinzioni elettrificate e cani da guardiania per proteggere le greggi.

Lungo i sentieri di Pasturs e negli alpeggi sono stati appesi cartelli informativi per turisti ed escursionisti sui comportamenti da adottare in caso di incontro con cani da lavoro.

Tutto ciò ha fatto sì che il progetto Pasturs venisse segnalato dalla Commissione Europea come buona pratica in grado di facilitare la convivenza tra uomo e grandi carnivori. L'estate di volontariato ha lasciato molto soddisfatti i partecipanti tanto che il 90% vorrebbe ripetere l’esperienza anche nel 2020.

Nell'estate di Pasturs spazio anche al divertimento con il ritorno del concorso fotografico "Selfie con pecora". C’è tempo fino al 16 settembre per votare la foto preferita sulla pagina facebook del progetto! 


Correlati

Val Parina, Wilderness sulle Orobie

Val Parina, Wilderness sulle Orobie

La Val Parina diventa Area Wilderness: 8 chilometri ancora selvaggi e incontaminati da tutelare, nel cuore delle Orobie.La Val Parina: 8 chilometri selvaggi e ...

Articolo
Vetrina internazionale per il Progetto Pastours

Vetrina internazionale per il Progetto P...

Il Progetto Pasturs, che viene attuato da quattro anni sulle Orobie Bergamasche, sarà presentato al una platea internazionale, la prossima settimana a Salisburgo.Pasturs è ...

Articolo
Un futuro per la Cattedrale vegetale

Un futuro per la Cattedrale vegetale

Dopo i danni provocati dalla tempesta Vaia, arrivano delle buone notizie per la Cattedrale vegetale di Oltre il Colle. La Cattedrale vegetale non sarà ...

Articolo
Progetto Pasturs, il video

Progetto Pasturs, il video

Venerdì viene presentato il docu-film dedicato al Progetto Pasturs, che ha portato 50 giovani volontari negli alpeggi bergamaschi."Pasturs - La vita in alpeggio raccontata dai ...

Evento