Articolo

Orobie di aprile 2020 è in edicola, per continuare a sognare

27 Marzo 2020 / 08:00
0
4
1800
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Orobie di aprile 2020 è in edicola, per continuare a sognare

27 Marzo 2020/ 08:00
0
4
1800
Scritto da Redazione Orobie

Sono settimane complicate, difficili, un nemico invisibile ci sta mettendo drammaticamente alla prova. La Lombardia, purtroppo è al centro dell'emergenza. Abbiamo preparato il numero di aprile 2020 della rivista Orobie, che è ora nelle edicole, prima che questa spietata tempesta ci travolgesse. Ci auguriamo allora che sia semplicemente di buon auspicio e che possa aiutare, anche in un momento di sofferenza, a regalare un piccolo sorriso, un sogno. "Torneranno i prati" titola il film del grande regista bergamasco Ermanno Olmi dedicato alle atrocità della Grande guerra. Consideriamolo un messaggio di speranza, dopo tanto dolore. "Addio, monti sorgenti dall’acque, ed elevati al cielo; cime inuguali, note a chi è cresciuto tra voi, e impresse nella sua mente, non meno che lo sia l’aspetto de’ suoi più familiari; torrenti, de’ quali distingue lo scroscio, come il suono delle voci domestiche; ville sparse e biancheggianti sul pendìo, come branchi di pecore pascenti, ...". Non abbiamo voluto aggiungere l'addio finale di questo breve passaggio letterario estratto da uno dei brani più poetici del celebre romanzo "I Promessi sposi" di Alessandro Manzoni: l'addio ai monti di Lucia Mondella. Per tutti noi, come lo fu per quei promessi sposi, è infatti l'augurio di un arrivederci, insieme, tra le tante bellezze della Lombardia più bella.

La foto di copertina di aprile 2020 è di Dimitri Salvi. Salita verso il piz di Vallumbrina dal rifugio Berni, sopra il passo di Gavia.

L'ADDA DAL DRONE 

Dalle sorgenti in valle Alpisella fino al lago, a Colico, il fiume spina dorsale della Valtellina nelle foto di Vincenzo Martegani. Tutti scatti in volo, ben 45, con il commento di architetti, ingegneri, letterati per leggere il territorio. Il testo è di Paolo Confalonieri.

VOLTI D'ALPE 2.0

L'emergenza sanitaria sta, per ora, impedendo di visitare la mostra fotografica di Marco Mazzoleni, allestita nel palazzo della Ragione, in Città Alta a Bergamo. Organizzata dal Comune, è dedicata ad allevatori e casari delle Orobie. Dopo aver raccontato i segni sul paesaggio, questo mese, guarda caso, nel servizio di Paolo Confalonieri si parla del sogno: è quello dei giovani protagonisti del rilancio di questa antica tradizione.

ESCURSIONI NARRATE

Le vicende di soldati, eventi e luoghi della Prima guerra mondiale a portata di smartphone. Sedici itinerari tra i Parchi dello Stelvio e dell’Adamello resi multimediali con il progetto "Oltre le tracce della storia". Camminare conoscendo, anche a 3.000 metri, con pochi click. Il servizio è di Massimo Sonzogni, con le fotografie di Dimitri Salvi.

Tutto quello che devi sapere sull'itinerario. Clicca su: piz di Vallumbrina.

IN CANOTTO NELL'ABISSO

Margherita Balduzzi, con il testo, e Vittorio Crobu, per la parte fotografica, ci fanno conoscere da vicino l'mpresa degli speleologi di Progetto Sebino. Studiano il bacino idrografico tra i laghi di Endine e di Iseo: hanno percorso una via navigabile a 500 metri di profondità. Nel cuore della Terra, per capire meglio questa ricca rete d’acqua.

LA SPONGADA, UNA BONTA'

In valle Camonica la ricetta della spongada, dolce pasquale, viene tramandata da generazioni. Come quella dell’agriturismo Prestello di Bienno, dove hanno fatto tappa le nostre "sentinelle del gusto" Silvia Tropea Montagnosi e Marco Mazzoleni. Questo pan speziato, declinato in vari modi, ha origini antiche. Lo dimostra un codice scoperto alla biblioteca civica Mai di Bergamo.

CONTRABBANDIERI SULLA BICICLETTA

In compagnia di Gianfranco Ubbiali e di Riccardo Barlaam abbiamo trascorso quattro giorni in sella alla mtb, dal passo del Bernina a Lecco, passando per la Bergamasca. Lungo gli antichi itinerari dei "cuntrabandé" alla scoperta del suggestivo ambiente alpino tra la Svizzera e la Lombardia. Con le acque del fiume Adda che tengono compagnia.

Per scoprire tutti i dettagli sull'itinerario clicca su: passo Bernina-Lecco.

UN MARE FIORITO

Maria Cristina Brambilla, autrice di testo e fotografie, ci porta in un vero e proprio "mare di fiori". Ogni anno l’addio all’inverno in Valtellina è salutato da uno spettacolo eccezionale: la fioritura dei meleti. Un tripudio della natura che invita a passeggiare tra i filari di Ponte, Bianzone, Sernio e Lovero. Per lasciarsi avvolgere dalla bellezza di questo momento che però dura molto poco.

Vai alla scoperta dell'itinerario cliccando su: Meleti in fiore.


Correlati

Trail, altri inevitabili arrivederci

Trail, altri inevitabili arrivederci

Purtroppo altre gare e manifestazioni cancellate alla luce dell'emergenza sanitaria.Dopo 7 edizioni la ZacUp si ferma."Ci prendiamo una pausa per sederci ...

Articolo
Pasturs, i giovani tornano in montagna

Pasturs, i giovani tornano in montagna

Nonostante il difficile periodo, la Cooperativa Eliante Onlus è riuscita ad attuare il progetto Pasturs anche quest'estate.I giovani sono tornati in alpeggio per ...

Articolo
Per i ragazzi giornate in montagna in Valgerola

Per i ragazzi giornate in montagna in Va...

Montagna a 360° per bambini e ragazzi grazie a una due giorni in Valgerola.Camminare e scalare in Valgerola, con l'aiuto e le indicazioni ...

Evento
Perché è un bene che il nostro futuro passi (anche) dagli alpeggi

Perché è un bene che il nostro futuro pa...

Dal convegno online a conclusione della mostra "Segni e sogni d'Alpe", una riflessione a più voce su quanto sta accadendo sulle nostre montagne e ...

Articolo