Articolo

Il ricordo di Matteo Bernasconi

14 Maggio 2020 / 12:00
0
1
1824
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Il ricordo di Matteo Bernasconi

14 Maggio 2020/ 12:00
0
1
1824
Scritto da Redazione Orobie

Centinaia di messaggi di cordoglio e ricordi di momenti condivisi sulla pagina Facebook di Matteo Bernasconi, il Ragno di Lecco travolto da una valanga, martedì 12 maggio, nel canale della Malgina.

"Il nostro grande Berna ci ha lasciati – hanno scritto i Ragni sulla pagina ufficiale del gruppo -. In questo momento non abbiamo parole per esprimere il nostro cordoglio. Possiamo solo stringerci in un grande abbraccio alla sua famiglia e a tutti gli amici che hanno avuto l’onore di conoscerlo e di legarsi con lui in montagna".

Il presidente dei Ragni di Lecco, Matteo Della Bordella, ricorda i dieci anni di amicizia con l'alpinista e Guida Alpina: "Chissà quante volte rivedrò la tua faccia disegnata sulle montagne che più amavi, su quelle montagne siamo cresciuti insieme ed i tuoi sogni sono sempre stati anche i miei, amico mio. Se penso a quante ne abbiamo passate assieme, tutto questo mi sembra ancora più insensato, la rabbia e il vuoto dei ricordi si fanno ancora più grandi."

E prosegue: "Chissà se in quei terribili istanti di questo 12 maggio, avrai provato le stesse sensazioni di quel giorno sulla Torre Egger quando ti piombai in testa e per un attimo pensai che tutto fosse finito. Quell’esperienza ci aveva segnati entrambi, ci aveva fatto maturare e resi più responsabili, soprattutto tu eri diventato un vero uomo.

Siamo partiti pochi mesi fa per quella che è stata la nostra ultima avventura insieme (con loro anche Matteo Pasquetto n.d.r..)  so che per te non è stata una spedizione facile, ci siamo resi contro entrambi di quante cose fossero cambiate dalla nostra prima volta, 10 anni fa, e di quanta strada avessimo fatto. Averti al mio fianco era per me già una sicurezza, mi bastava e non avrei barattato la nostra cordata per il miglior alpinista al mondo. E dopo 35 giorni di spedizione, questa volta credevo di essere stato io ad averti insegnato qualcosa su queste montagne e su come scalarle e invece, di nuovo, sei stato ancora tu che, come un fratello maggiore, con la tua spontaneità mi hai trasmesso il messaggio più importante in poche parole. Avevo appena risposto a Matteo Pasquetto "quando torno starò un po’ a casa a riposare" e tu mi hai subito corretto "Quando torni starai un po’ a casa a fare il papà".

Una foto insieme per ricordare la passione comune per la montagna e il comune mestiere di Guida Alpina. Questo l'omaggio del presidente del Collegio delle Guide alpine di Lombardia. 

Toccanti le parole della compagna Marta: "Non ci chiamavamo quasi mai "amore", ma con te e Kate ho scoperto cos'è l'Amore incondizionato. Eri puro, come la Natura in cui volevi stare.Sincero e libero.

Mi hai insegnato a sorridere alla vita e insieme abbiamo riso a crepapelle.Abbiamo avuto troppo poco tempo per la nostra famiglia... Ma quello che ho avuto è stato spettacolare. Fuochi artificiali. Non so cosa darei per avere un'altra chance con te. So che la tua anima è ancora accanto alla mia. Aspetto la nostra prossima vita insieme...Stai tranquillo, io e Kiki siamo circondate da Angeli su questa terra."

Correlati

Stile alpino: Premio del Lecco Mountain Festival

Stile alpino: Premio del Lecco Mountain ...

Mercoledì 1 dicembre la serata conclusiva del Lecco Mountain Festival con l'assegnazione del Premio Stile Alpino."Elements of life", la nuova via aperta dalla ...

Articolo
Ragni in trasferta in Bulgaria

"Ragni" in trasferta in Bulgaria

In Bulgaria c’è una parete che "parla" italiano. È la nuova falesia attrezzata dai Ragni di Lecco e dai climber locali nell’ambito ...

Articolo
Fine settimana tragico in montagna

Fine settimana tragico in montagna

Sono state giornate tragiche sulle nostre montagne.Ieri sono stati recuperati i corpi dei due alpinisti bergamaschi precipitati sabato sul versante svizzero del Pizzo Badile ...

Articolo
Della Bordella, kayak e pareti in Groenlandia

Della Bordella, kayak e pareti in Groenl...

Esplorazione trai i ghiacci e pareti per Matteo Della Bordella dei Ragni di Lecco, Silvan Schüpbach e Symon Welfringer.I tre hanno aperto una nuova ...

Articolo