Articolo

Il Piviere Tortolino è Sempre più raro

06 Settembre 2020 / 18:38
0
2
163
Scritto da Matteo Capelli
Fotografie di Matteo Capelli
Articolo

Il Piviere Tortolino è Sempre più raro

06 Settembre 2020/ 18:38
0
2
163
Scritto da Matteo Capelli
Fotografie di Matteo Capelli

il Charadrius Morinellus, questo e il suo nome scientifico, un tempo era più frequente anche in Lombardia , ora e sempre più raro riuscire ad incontrarlo...


COME RICONOSCERLO

Il Piviere Tortolino misura 20-22 cm, hanno un peso dai 110g. ai 140 g ed ha una apertura alare di 57–64 cm. Piviere Tortolino ha il  dimorfismo sessuale invertito nelle dimensioni e nel piumaggio, inconfondibile in abito nuziale , le lunghe sopracciglia bianche si incontrano a "V" sulla nuca. La fascia pettorale bianca e stretta separa la gola grigia e la parte superiore del petto dalla parte inferiore color castagna brillante. 

La Femmina (che in media è leggermente più grande) è di colore più brillante del maschio, con corona e ventre più neri e solidi, la fascia pettorale più affilata rispetto al maschio. L'adulto non riproduttore è privo di colori brillanti e ha un colorito bruno, le  parti superiori frangiate o sabbiose; petto grigio-marrone chiaro con barra bianca opaca e  pancia bianca. Il giovane di Piviere Tortolino un contrasto maggiore rispetto all'adulto non riproduttore, con piume più scure e frange più luminose (a volte spezzate da strisce marroni), e più color cannella  sulle parti inferiori, con fianchi striati e la  linea del petto bianco-lucido e ventre bianco lavato.

Dove Vive

Prediligie  altopiani estesi aperti e piatti, creste montuose e altopiani, con scarsa vegetazione di muschi, erba corta o licheni con chiazze di roccia nuda, nella tundra artica e nella zona artico-alpina, non ama particolarmente stare vicino all'acqua. Nella stagione riproduttiva lo si può trovare sopra i 2700 m. Durante la migrazione, staziona in aree esposte con piccola vegetazione , terreni incolti o arati, ma anche colture di lino, spesso lo si può ritrovare nello stesso sito di stazionamento anche l'anno dopo.

Di cosa si ciba?

Insetti, principalmente coleotteri e larve di ditteri, anche ditteri adulti, larve di farfalle e falene, cavallette, grilli, forbicine, formiche e ragni. Occasionalmente lumachine e lombrichi, soprattutto nei campi arati, e regolarmente alcune foglie, semi, bacche e fiori.Non dimentichiamo che il Piviere Tortolino e molto ghiotto della Tipula Montana.

Salvaguardia

Il Piviere Tortolino non è minacciato a livello globale, tuttavia il cambiamento climatico previsto rappresenta ora una minaccia potenzialmente catastrofica per la specie, poiché questo e molti altri uccelli terrestri boreali dipendono interamente dalle condizioni ecologiche attualmente prevalenti nell'Europa e nell'Asia settentrionale.

 

Foto di Matteo Capelli ©