Itinerario

Pizzo Badile - Spigolo Nord

  • Arrampicata su roccia
  • 2 giorni 10 ore
09 Settembre 2012 / 00:00
0
0
660
Scritto da Fedora Rota
Itinerario

Pizzo Badile - Spigolo Nord

09 Settembre 2012/ 00:00
0
0
660
Scritto da Fedora Rota
Itinerario

Pizzo Badile - Spigolo Nord

09 Settembre 2012/ 00:00
0
0
660
Scritto da Fedora Rota

Il percorso

1° g.: Da Bondo seguire la carrozzabile (a pagamento) fino a Laret. Salire lungo il versante dx orografico, al bivio proseguire a dx. Attraversare il torrente e dopo ripidi tornanti si arriva al rifugio Sasc Fourà (mt. 1900, 1h e 30'). 2° g.: Dal rif. seguire il sentiero “il Viale” fino a delle placche levigate. Dopo un colletto e delle roccette (III-) si raggiunge l’attacco della via (mt. 2580). Salire lungo la cresta e poi scendere brevemente sul versante NE, traversare e risalire placche coricate (IV). Si torna sullo spigolo e, superato un camino sulla dx, si prosegue sempre salendo su placche, fino alla famosa Placca Risch. Risalirla direttamente e poi piegare a dx (IV+). Salire ancora lungo lo spigolo e cercando di mantenersi sul filo superare ripidi tratti alternati a placche lisce, cmq ben spittati. Si perviene poi a una cengia, oltrepassare dei massi, arrivando così ad un’evidente nicchia (freccia verde verso sx). Qui c’è il passaggio chiave: una ripida placca ma ben spittata (V), superata la quale si torna, con un passaggio molto aereo, sullo spigolo. Si arriva poi ad una placca con fessure verticali. Superati altri salti rocciosi e placche, si raggiunge una breve ma molto ripida discesina, che porta al torrione finale: traversare diagonalmente sul versante NE e poi salire gli ultimi facili blocchi fino in vetta, dove nei pressi sorge il biv. Redaelli. DISCESA: Sconsigliata la discesa dallo spigolo N. Consigliabile invece scendere al rif. Gianetti per tracce di sentiero detritico e placche rocciose (anelli per doppie). Dopo circa 100 mt. seguire a dx una cengia-sentiero che in leggera salita porta ad una croce. In corda doppia o disarrampicando si arriva alla base della parete e quindi, verso dx, al rif. Gianetti (3h dalla vetta). In circa 2h e 30’ si scende infine ai Bagni di Masino. Oppure pernottare al rifugio e il 3° g., tramite salita al Passo Porcellizzo Nord e al Passo della Trubinasca, tornare alla Cap. Sasc Fourà (6h dal rif. Gianetti).