Itinerario T

Sul Sentiero delle grotte con gli speleologi

  • Escursionismo
29 Settembre 2017 / 10:45
0
0
5380
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Sul Sentiero delle grotte con gli speleologi

29 Settembre 2017/ 10:45
0
0
5380
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Sul Sentiero delle grotte con gli speleologi

29 Settembre 2017/ 10:45
0
0
5380
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Nell’alto Sebino, tra Fonteno ed Endine Gaiano (Bergamo) è nato il «Sentiero delle grotte», un circuito lungo quasi quindici chilometri che si snoda fra la valle e le montagne dei due comuni. La sua caratteristica è che, partendo dalla piazza centrale di Fonteno, passa accanto a 150 grotte fra cui l’Abisso Bueno Fonteno e l’Abisso Nueva Vida, le porte di accesso principali al sistema carsico di cui gli speleologi hanno finora mappato uno sviluppo complessivo di oltre 30 chilometri, ma che potrebbe riservare ancora notevoli sorprese.

Identificato da un bollo giallo e blu, il nuovo sentiero è stato realizzato dall’associazione «Progetto Sebynica» in collaborazione con «Progetto Sebino» e il sostegno dei due Comuni, della Fondazione della Comunità Bergamasca onlus, del Rotary Club di Lovere Iseo e Breno, del circolo Legambiente alto Sebino, con un obiettivo ben definito: «Mettere al suo posto un tassello ancora mancante – spiega Maurizio Greppi, presidente di Sebynica –: queste grotte non sono accessibili ai turisti per difficoltà tecniche, logistiche e ambientali, ma rappresentano comunque un elemento di richiamo e di interesse. Così, abbiamo deciso di installare e posizionare tredici diverse bacheche che illustrano le ricerche e gli studi finora compiuti sottoterra dagli esploratori del Progetto Sebino, abbiamo realizzato un percorso che per il 90% sfrutta collegamenti già esistenti, ma che aveva bisogno di essere interamente collegato e messo in sicurezza, e infine abbiamo realizzato una mappa che è stata stampata in diverse migliaia di copie per essere distribuita nelle pro loco, nelle attività commerciali e turistiche di Fonteno e di Endine e del resto dell’alto Sebino».

I percorsi che compongono il «Sentiero delle grotte» sono tre: il «Meteo basso», poco impegnativo e ideale per famiglie, si percorrono in circa un’ora i 2,5 chilometri che dalla piazza di Fonteno conducono fino all’ingresso dell’Abisso Bueno Fonteno.

Il «Meteo alto», consente di raggiungere gli accessi del sistema carsico collocati sul monte Sicolo e offre due alternative: partenza da Endine oppure da Fonteno, entrambe percorribili in sei ore circa di cammino.

Infine il percorso «Traversata» che rappresenta l’intero circuito e che richiede il superamento di un dislivello in ascesa di 1.800 metri: è stato calcolato che, per percorrerlo interamente, possono servire fino a 14 ore approfittando anche delle varie soste da cui si possono ammirare i panorami che spaziano dalla Val Cavallina al Sebino, passando attraverso una natura impervia e imponenti affioramenti calcarei.

L’associazione Sebynica è nata da una costola di «Progetto Sebino», la realtà impegnata nelle ricerche speleologiche del sistema carsico che si estende fra il Sebino e la Valle Cavallina. Sebynica, nello specifico è orientata a promuovere progetti e laboratori didattici per la divulgazione di tematiche ambientali e naturalistiche. Tra le attività, appunto l’allestimento del «Sentiero delle grotte».

Risale al 2006 la scoperta dell’Abisso Bueno Fonteno, un universo sotterraneo ricco di acqua e di vita: l’area carsica, fino a quel momento avara di scoperte significative, viene catapultata al centro dell’interesse speleologico nazionale che coinvolge svariate discipline scientifiche e numerosi ricercatori. A farsi carico delle prime indagini e della promozione sono i gruppi di speleologia che hanno deciso di unirsi e fondare l’associazione «Progetto Sebino». Ad agosto 2012, Abisso Bueno Fonteno raggiungeva i 22 chilometri di sviluppo e i 570 metri di dislivello; nel settembre 2013, gli esploratori trovarono la «giunzione» con l’Abisso Nueva Vida, dando origine a uno dei più estesi complessi carsici d’Italia che oggi sfiora i 32 chilometri di sviluppo per una profondità di quasi 700 metri. Progetto Sebino, con Uniacque, studia il bilancio idrico del sistema carsico.