Itinerario MC

In bici con Baronchelli lungo l’Adda

  • Attività in bici
  • 2 ore 30 minuti
17 Maggio 2019 / 09:00
1
1
1746
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

In bici con Baronchelli lungo l’Adda

17 Maggio 2019/ 09:00
1
1
1746
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

In bici con Baronchelli lungo l’Adda

17 Maggio 2019/ 09:00
1
1
1746
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

In occasione del passaggio dei ciclisti del Giro d’Italia del 2019 in Lombardia, domenica 26 maggio con la frazione da Ivrea a Como e martedì 28 con il tappone da Lovere a Ponte di Legno, la rivista Orobie di maggio 2019 rende un tributo alla corsa rosa con un grande campione. Il magazine che da quasi trent’anni racconta le tante sorprese della Lombardia più bella propone infatti un’escursione in mountain bike con Gianbattista Gibì Baronchelli, di Arzago d’Adda (Bergamo). Una uscita sulla due ruote raccontata da Maurizio Panseri e dal fotografo Luca Merisio, che hanno accompagnato Gibì in una bella pedalata lungo il fiume Adda, da Cassano (Milano) a Lodi.

Tanti ricordi e passioni che per Gianbattista Baronchelli non si sono mai spente, sia per la bici che cavalca tre volte alla settimana nella pausa pranzo, sia per la sua terra, appunto la pianura lombarda percorsa dall’Adda. Un’occasione per Orobie, questa escursione con Gibì, per presentare anche le due tappe lombarde del Giro d’Italia numero 102, con l’arrivo a Como del 26 maggio e con la giornata delle grandi salite di Valle Seriana, Valle Camonica e Valtellina il 28.

Ma ecco l’itinerario proposto da Gianbattista Baronchelli, insieme a Panseri e Merisio sulla rivista Orobie di maggio 2019.

Dalla stazione ferroviaria di Cassano d’Adda percorriamo l’angusta passerella sul canale della Muzza per poi scendere a sinistra e imboccare la strada d’argine puntando a nord e al centro di Cassano. Giunti al ponte sull’Adda lo si attraversa e si segue la ciclabile che scende lungo via Rivolta. Poco oltre la si attraversa, in località Cascate, seguendo sempre su ciclabile la via omonima verso sud. A una santella si segue la ciclabile che svolta a sinistra e percorre via San Pietro Cascine. Poco prima dell’omonimo borgo si svolta a destra, sempre su ciclabile, lungo via Cascina Belvignate, e quindi ancora a destra sulla strada provinciale 130. Ci si ritrova nuovamente sulla via per Rivolta, giriamo a sinistra e scendiamo. 

Dopo nemmeno 600 metri, poco oltre il cartello d’ingresso in provincia di Cremona, la si abbandona e, a una sbarra, si imbocca un sentiero che, sulla destra, attraversa un fosso e poi lo costeggia, in mezzo ai campi, fino sulle sponde dell’Adda. Ora si segue la sterrata che percorre l’argine del fiume. Giunti ai resti del ponte vecchio e al Parco della preistoria di Rivolta d’Adda il tracciato prosegue su strada sterrata con un’evidente segnaletica direzionale che accompagna fino alle porte di Lodi.

Si pedala immersi nel verde, attraversando boschi golenali lambiti dall’Adda e affacciandosi su paesaggi agricoli dalle geometrie regolari, scandite da fossi e da filari. Si giunge presto alle storiche opere di presa del canale Vacchelli, per poi proseguire oltre tra i coltivi e le golene che bordano il fiume. 

La strada sterrata termina nei pressi di alcune cave di ghiaia dove si sbuca sulla provinciale che unisce Boffalora a Lodi. Quindi si svolta a destra e si percorre la ciclabile che conduce al ponte sull’Adda e al centro storico di Lodi, dove faremo il giro di boa e ci godremo la meritata pausa.

Questo itinerario, come tutti quelli pubblicati sulla rivista Orobie, è disponibile anche sulla app gratuita Orobie Active, che si può scaricare allo store.


Commenti

daniele colombo 6 mesi

GB un grande corridore e soprattutto un grande signore.

  • 1
  • 0
  • Redazione Orobie 6 mesi

    Grazie per aver condiviso con noi questo pensiero