Itinerario MC

Da Edolo fino al Gavia in bici

  • Attività in bici
  • 12 ore
27 Novembre 2020 / 12:00
0
1
1721
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Edolo fino al Gavia in bici

27 Novembre 2020/ 12:00
0
1
1721
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Edolo fino al Gavia in bici

27 Novembre 2020/ 12:00
0
1
1721
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

"Su e giù dal Gavia" è il titolo del reportage che Maurizio Panseri, autore anche delle fotografie insieme ad Andrea Aschedamini e a Cristina Locatelli, propone sulla rivista Orobie di novembre 2020. Racconta della loro impresa con la bicicletta nel Bresciano, lungo la valle Camonica, dal lago d’Iseo al passo, luogo mitico consegnato alla storia da epiche tappe del Giro d’Italia. Si pedala fino a lì dove le gocce ancora non sanno se rotoleranno verso l’Adda o l’Oglio, due giorni di fatiche e suggestioni a filo d’acqua.

Ecco l’itinerario del primo giorno. Ci spostiamo con il treno da Iseo (dove si concluderà il secondo giorno dell’itinerario) a Edolo (690 metri), nell’alta valle Camonica. Dalla stazione ferroviaria si inizia a pedalare e, dopo aver attraversato il centro storico, si oltrepassa il fiume Oglio scendendo per un breve tratto lungo la strada statale in direzione di Brescia. Svoltiamo però poco dopo a sinistra e cominciamo a risalire via Monte Colmo per incrociare la ciclovia che, con alcune rampe, ci consente di superare un impegnativo dislivello iniziale. Eccoci al suggestivo borgo in località Mù. L’itinerario si fa pianeggiante e corre in quota, alto sul fondovalle, sopra i terrazzi morenici tra coltivi e boschi di castagno.

All’altezza di Incudine affianchiamo il fiume e, prima di Vezza d’Oglio, lo attraversiamo e continuiamo a pedalare in direzione del passo del Tonale senza particolari difficoltà. Sempre su ciclabile, ora in sponda destra e ora in sponda sinistra, arriviamo a Temù e subito dopo a Ponte di Legno (1.257 metri). Appena fuori dal centro abitato ha inizio la salita a uno dei valichi alpini consegnati alla storia da epiche imprese ciclistiche: il passo di Gavia (2.621 metri). Entriamo nel Parco nazionale dello Stelvio e ci attendono 17,8 chilometri davvero faticosi, con pendenze che sfiorano il 16%.

Conquistata la nostra "Cima Coppi" facciamo dietrofront e tiriamo il fiato ripercorrendo in discesa il medesimo tracciato fino a Sant’Apollonia. Qui decidiamo di deviare a sinistra e raggiungere, su fondo sterrato, il borgo di Case di Viso, nella valle dell’Oglio di Arcanello. Invertiamo di nuovo direzione in località Pra del Rum e ci abbassiamo a Ponte di Legno, spostandoci sulla sponda sinistra del torrente. Seguendo la via forestale Tonalina sbuchiamo su uno dei primi tornanti della strada del passo del Tonale. In pochissimi minuti rieccoci nel centro storico di Ponte di Legno.

Se non ti vuoi perdere le numerose proposte escursionistiche di Orobie visita la sezione "Itinerari". Oppure scarica sul tuo smartphone l'app gratuita Orobie Active.