Itinerario E

Con la neve al rifugio Cristina

  • Escursionismo
  • 1 ore 45 minuti
11 Dicembre 2020 / 11:30
0
4
2659
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Con la neve al rifugio Cristina

11 Dicembre 2020/ 11:30
0
4
2659
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Con la neve al rifugio Cristina

11 Dicembre 2020/ 11:30
0
4
2659
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

È in Valmalenco (Sondrio) la seconda tappa della stagione 2020-2021 della serie di servizi sui "Rifugi d’inverno" che propone la rivista Orobie sul numero di dicembre 2020. I testi di Massimo Sonzogni e le fotografie di Paolo Ortelli raccontano il rifugio Cristina, una struttura edificata oltre cento anni fa. I gestori oggi sono alla quarta generazione, con lo sguardo già rivolto alla quinta. Siamo all’alpe Prabello.

Raggiungere il Cristina (2.287 metri) significa innanzitutto camminare al cospetto della montagna simbolo della Valmalenco, il pizzo Scalino (3.323 metri). Superato con i mezzi il borgo di Franscia, nel comune di Lanzada (Sondrio), si continua fino all’area di sosta che troviamo appena oltrepassata la seconda galleria lungo la strada che porta a Campo Moro. Ci incamminiamo seguendo quello che nella bella stagione non è altro che il percorso agrosilvopastorale per l’alpe Campagneda. A seconda delle condizioni della neve è un’escursione molto amata da ciaspolatori e scialpinisti. Non pochi dei secondi hanno come obiettivo proprio il pizzo Scalino.

Sali al rifugio guardando l'animazione di Relive:

Si prende dolcemente quota tra i larici fino a ritrovarsi, una volta usciti dal bosco, alle prime baite nel mezzo di una piana coperta da una spessa coltre bianca: eccoci all’alpe Campascio (2.068 metri). Qui abbiamo due possibilità per raggiungere la nostra meta. Prendendo a destra ci guida il segnavia 347, mentre procedendo in avanti le indicazioni sono quelle del 347/1.

Il sentiero 347 inizialmente sale con una certa pendenza, di nuovo tra radi larici, ma presto ci si ritrova ai margini dell’aperta e vasta distesa che si sviluppa nel piano di Campagneda. Il sentiero 347/1, poco più lungo, ci accompagna invece all’alpe Campagneda su un comodissimo tracciato, dove sorge il rifugio Cà Runcasch (2.170 metri). I due itinerari poi si incontrano e si sovrappongono a 2.200 metri di altitudine. Avvicinarsi all’alpe Prabello e al rifugio Cristina è un vero piacere, seguendo un percorso praticamente pianeggiante che regala uno splendido panorama sulle vette della Valmalenco.

Per il rientro il suggerimento è di attraversare il piano di Campagneda completando un facile e suggestivo anello sotto il pizzo Scalino, ottimamente segnalato, predisposto anche per scialpinisti e ciaspolatori. Il segnavia è il 305 e per un tratto ci si ritrova sull’alta via della Valmalenco e sul sentiero Italia. All’altezza dei laghi di Campagneda, coperti dalla neve, si piega decisamente a sinistra cominciando una piacevole e divertente discesa verso l’alpe omonima e il rifugio Cà Runcasch e da lì al parcheggio.

Le tantissime proposte escursionistiche di Orobie le trovate sul sito, nella sezione "Itinerari". Se invece desiderate averle a portata di smartphone scaricate allora l'app gratuita "Orobie Active".