Itinerario T

Attraverso la brughiera da Meda a Montorfano

  • Escursionismo
  • 5 ore
29 Gennaio 2021 / 11:30
0
2
2264
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Attraverso la brughiera da Meda a Montorfano

29 Gennaio 2021/ 11:30
0
2
2264
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Attraverso la brughiera da Meda a Montorfano

29 Gennaio 2021/ 11:30
0
2
2264
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Ci porta a cavallo delle province di Monza-Brianza e Como questo itinerario, tratto dalla rivista Orobie di dicembre 2020. Il Me-Mo, percorso da Meda a Montorfano, è di circa 25 chilometri tra colline, boschi, vallette e corsi d’acqua, patrimonio di un territorio il cui nome risalirebbe addirittura ai celti. Da apprezzare anche d’inverno. Testi e foto sono di Maria Cristina Brambilla.

Dalla stazione ferroviaria di Meda (245 metri), in provincia di Monza e Brianza, la segnaletica dedicata al sentiero Me-Mo ci porta in piazza Vittorio Veneto, dove si affacciano chiese e palazzi storici. Dopo aver percorso via Santa Maria e via Monte Bianco ci immettiamo su via Betulle entrando nel Parco regionale delle Groane e della brughiera briantea. Nella primavera 2020 è stata ultimata la posa della nuova segnaletica che aiuta a districarsi tra sentieri e deviazioni che si incontrano in un ambiente dal grande valore naturalistico. Il percorso è per lo più pianeggiante, costellato di cascine storiche e caratterizzato da dolci pendenze che consentono di superare vallette e colline.

Vai alla scoperta dell'intero tracciato con l'animazione di Relive:

Quasi subito eccoci alla Zoca dei Pirutit, un invaso formatosi con l’estrazione dell’argilla e oggi area umida importante per la vita degli anfibi. Raggiungiamo il laghetto della Mordina a Mariano Comense (Como). Vi si raccoglieva l’acqua piovana utilizzata per l’irrigazione. Qui i fiori di loto hanno preso il sopravvento. Il nuovo tracciato del Me-Mo, rispetto a quello ideato oltre 30 anni fa, si snoda alla periferia della cittadina. Ci portiamo così al sottopasso che consente di superare con maggiore sicurezza la strada provinciale Novedratese. Possiamo ammirare, poco dopo, l’oratorio romanico di San Martino dell’XI secolo. Rientriamo nella brughiera e circa 8 chilometri ci separano dal successivo centro abitato: Olgelasca, frazione di Brenna. Vi si trova un altro oratorio romanico, quello di Sant’Adriano.

Procediamo tra i boschi di Brenna e Cantù, attraversati dal torrente Terrò, con alcune radure dove si può ancora osservare il brugo, l’erica comune che dà il nome alla brughiera. Aree risorgive, considerate le sorgenti del Terrò, caratterizzano la zona tra Capiago e Montorfano. Attraversiamo bellissimi boschi di castagni prima di arrivare alla Riserva naturale del lago di Montorfano. Vi si riproducono il rospo comune e la rarissima rana di Lataste. In centro a Montorfano (410 metri) coi mezzi pubblici rientriamo a Meda.

Sul sito di Orobie trovi centinaia di proposte escursionistiche. Vai alla sezione "Itinerari" o scarica sullo smartphone l'app gratuita "Orobie Active".