Itinerario EEA

A piedi sulla costa della Giumenta

  • Escursionismo
  • 4 ore
15 Ottobre 2021 / 10:30
0
2
1049
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

A piedi sulla costa della Giumenta

15 Ottobre 2021/ 10:30
0
2
1049
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

A piedi sulla costa della Giumenta

15 Ottobre 2021/ 10:30
0
2
1049
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

La costa della Giumenta, sopra Lecco, è la meta dell’escursione raccontata sulla rivista Orobie di ottobre 2021. Con un accompagnatore particolare, l’alpinista Arturo Milani, oggi titolare del marchio "Great Escapes", che ritorna di nuovo sui monti dai quali ha avuto inizio la sua grande passione per le terre alte.

Sul magazine Milani si racconta a Matteo Zanga, autore anche delle fotografie, mentre dai Piani d’Erna sale al monte Magnodeno in compagnia di due suoi collaboratori, Giorgia, che a "Great Escapes" si occupa di marketing, e Riccardo, accompagnatore di media montagna e bravo alpinista, che gestisce uno dei punti vendita del marchio, quello in via Ghislandi 2/C a Bergamo. L’altro negozio è invece a Lecco, in via Oslavia 4. È lungo il sentiero che Arturo Milani ripercorre le tappe principali della sua vita, come quando compiva le prime sciate proprio sui prati di Versasio a Lecco, o quando lavorava nella bottega di Riccardo Cassin o, ancora, quando ha incontrato Reinhold Messner.

Per raggiungere le creste della costa della Giumenta saliamo ai Piani d’Erna (1.329 metri) con la comoda funivia dalla località Versasio, in via Prealpi 34 a Lecco (602 metri). Oppure, a piedi si può percorrere il sentiero 1 che parte dal piazzale antistante l’impianto. Giunti in quota, presa la strada che porta alla parte bassa dei piani, si trova il cartello che indica il sentiero 5 diretto al passo del Fò (1.296 metri). In meno di un’ora si arriva al valico, dove troviamo la capanna sociale Giacomo Ghislandi del Cai di Calolziocorte, gestita dagli alpini.

L'itinerario nell'animazione di Relive:

Volendo, con una piccola deviazione di dieci minuti si può raggiungere il rifugio Alpinisti Monzesi (1.170 metri), o Capanna Monza, piegando a sinistra in direzione di Erve. In tal caso bisogna poi tornare al passo e seguire il sentiero che conduce al monte Magnodeno.

Poco più avanti troviamo un bivio che ci consente di scegliere se giungere a destinazione percorrendo il sentiero attrezzato, o evitare la parte difficile stando a quota più moderata. Il panoramico sentiero in cresta è per escursionisti esperti ed è consigliata l’attrezzatura da ferrata. Con una serie spettacolare di saliscendi, effettuabili con relativa semplicità grazie all’abbondante presenza di catene, si giunge dopo circa 30 minuti alla croce che segna il punto più alto: la cima del Fò, a 1.348 metri.

Da lì il sentiero prosegue per un’altra mezzoretta con le stesse caratteristiche, fino a giungere a una fontanella ristoratrice che indica la fine del tratto attrezzato. Con qualche altro minuto di camminata nel bosco si arriva finalmente al monte Magnodeno, del quale è possibile con poco sforzo raggiungere la cima (1.234 metri). Cerchiamo le indicazioni che conducono alla località Grassi Lunghi, dove ci si può dissetare a una bella fonte. In poco tempo si torna al piazzale della funivia, direttamente, od optando per una deviazione al rifugio Antonio Stoppani (890 metri).

Centinaia di proposte per le tue uscite alla scoperta della Lombardia più bella le trovi, corredate di traccia gpx, cliccando su: Itinerari. Oppure per averle direttamente sul tuo smartphone scarica l'app gratuita Orobie Active.