Itinerario T

Da Codogna in mezzo a verde e borghi

  • Escursionismo
  • 2 ore
05 Agosto 2022 / 11:15
0
3
836
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Codogna in mezzo a verde e borghi

05 Agosto 2022/ 11:15
0
3
836
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Codogna in mezzo a verde e borghi

05 Agosto 2022/ 11:15
0
3
836
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Nel cuore delle Alpi Lepontine, nel Comasco, c’è la Valle Sanagra, posta tra il Lario e il Ceresio, che offre tantissimi spunti per escursioni in mezzo al verde, all’acqua e alle rocce. Come il Sass Corbee e i grandi massi erratici dispersi durante la glaciazione, o il sito delle querce secolari con i giganti rogolone e rogolino.

Alla Valle Sanagra dedica un ampio reportage il numero di agosto 2022 della rivista Orobie. Il servizio, dal titolo «Perla di natura», ha i testi di Attilio Selva e le fotografie di Paolo Ortelli.

Da Codogna (443 metri), capoluogo di Gandola ed Uniti (Como), raggiungiamo il rogolone (450), quercia maestosa che è un monumento nazionale dal 18 maggio 1987. 

Passiamo accanto a villa Camozzi, sede del municipio e del Museo etnografico naturalistico della Valle Sanagra. Seguendo le frecce che indicano il rogolone, si imbocca una stradina campestre. Si attraversano campicelli ricavati su alti muri in pietra a secco. Il percorso è gradevolissimo, senza fatica. Ai campi si alternano lembi di bosco con qualche rustico. Passiamo a guado dei rigagnoli che ospitano una rara popolazione di gambero di fiume.

Ci si arrampica sui ronchi, terrazzi sostenuti da terrapieni, per raggiungere l’ampio spiazzo del rogolone a Velzo, nelle vicinanze di Bosco Impero. Al centro spicca la quercia che sovrasta castagni e carpini neri. La chioma raggiunge i 50 metri di larghezza, il tronco ha una circonferenza di 8 e un’altezza di 28. Le indagini dei botanici hanno stabilito che l’albero ha quasi 300 anni. A fianco, il rogolino, sempre un rovere, con una circonferenza di 4 metri e 100 anni più giovane del rogolone.

Da qui partono due sentieri. Il primo, pianeggiante, prosegue verso Bosco Impero e la chiesa di San Giorgio (460). Il secondo, che seguiremo, sale diritto e raggiunge un bivio. A sinistra si va a Gottro (547), frazione di Carlazzo, a destra si torna verso Codogna restando poco più in quota (530) rispetto all’andata. 

Camminiamo tra i castagni, sulle pietre di un antico sentiero che supera dei dossi di modellamento glaciale. Più avanti si può accorciare la via tagliando tra i prati per un sentiero che tocca Ca’ del Rampù. Infine, si raggiunge la carrozzabile, ma proseguiamo sul vecchio percorso che attraversa Velzo, dalle caratteristiche case di pietra, gli slarghi selciati e le fontane. Seguendo la gradonata via Leopardi si scende a Codogna, passando accanto alla chiesa parrocchiale di San Siro (512). Oltre si torna al punto di partenza.

Lasciati guidare alla scoperta della Valle Sanagra direttamente sul tuo smartphone grazie all'app gratuita Orobie Active.