Vigna Vaga

0
0
6421

Un altro splendido angolo delle nostre Orobie. Lasciata la macchina a Tezzi Alti poco oltre i 900mt (fr. di Gandellino) si imbocca la Val Sedornia, strada forestale che sale costeggiando all'inizio baite e prati, poi entrando nel fitto bosco di abeti si arriva alla Cappella di S. Carlo (1163 mt) e, di seguito, si attraversa il torrente e si incrocia il sentiero 313 proveniente da Boario. Da qui si sale sempre per comoda mulattiera. Con pendenza regolare si sale, si incrociano le stalle Prato di Vigna 1350mt . Lasciati i prati si entra nel bosco e si sale sempre con graduale ma costante pendenza; in  prossimità di un vallone, si abbandona la stradina e si imbocca il sentiero a sinistra che sale verso nord e con percorso tra prati e boschi, dapprima si raggiunge la baita Bassa Vigna Vaga (1507 m) e di seguito la baita di Mezzo Vigna Vaga (1660 m). Si prosegue a salire in ambiente più aperto fino a raggiungere il Laghetto Spigorel (1821 m). Si prosegue seguendo il sentiero in direzione del monte Barbarossa fino a incrociare il sentiero 401 (sentiero delle Orobie) a quota 1800 mt circa. A sinistra il sentiero per Lizzola a destra verso il rifugio Albani. Presa questa direzione si prosegue nell'ampio vallone , superato questo, con ampi e faticosi zig zag  ghiaiosi si risale il versante del Pizzo di Petto sino a raggiungere l'ultimo tratto attrezzato con catene  che consente di arrivare al Passo del Pizzo di Petto poco oltre i 2200mt. A sx si sale al Pizzo mentre a dx un lungo traverso che domina la valle Conchetta porta al Passo Fontanamora 2235mt. Si lascia il sentiero 401 per prendere il sentiero  che dapprima su larga cresta e poi su pendio scosceso, sempre erboso, porta alla Cima Vigna Vaga 2332mt. Una pausa; il paesaggio è incantevole e spazia a 360°, dalla pianura all'Adamello...... In discesa fino a raggiungere di nuovo il Passo di Fontanamora da dove si staccano due sentieri: il 401 (sentiero delle Orobie) direzione Rifugio Albani e uno in direzione Passo degli Omini/Baite del Moschel. Si segue questa traccia che in graduale discesa percorre gli ampi valloni sino a raggiungere la baita in zona Foppana. Da qui il sentiero 314 che da un lato sale al Passo degli Omini e dall'altro in direzione Valle Sedornia. Adesso il sentiero con decisi sbalzi a volte erbosi altri su sfasciume e detriti ci abbassa di quota e ci porta dapprima in prossima della Baita Zuccotto e successivamente alla baita bassa di Fontanamora e al vicino bivio, lago Spigorel/sentiero dell'Orso che si era incrociato durante la salita. Da qui la mulattiera che ripercorre i passi fatti sino alla frazione Tezzi Alti.