CIME ALBEN fiorite ad anello dal Passo Crocetta-22giu21

0
1
754

Monte Alben (2019 m), spartiacque naturale tra la Val Serina ad occidente e la Val del Riso ad oriente, estesa montagna formata principalmente da roccia dolomitica, si eleva dirupato sulle grandi praterie ed estese pinete che lo circondano ad occidente discendenti verso la conca di Oltre il Colle e l'alta Valle Serina. Il versante orientale, che domina la sottostante Val Del Riso, è ancor più dirupato. Visto dalla conca di Oltre il Colle, presenta due elevate cime rocciose, chiamate Cima la Croce (1975 m.) e Cima della Spada (1952 m.), mentre la cima più elevata, non visibile da Oltre il Colle, è Cima Alben (2019 m). Le cime dell'Alben si possono raggiungere da Oltre il Colle (con più punti di partenza), Serina e Cornalba.

PERCORSO:

Pressi del Passo della Crocetta (1300 m circa) > Sentiero 501 > Passo Brassamonti (1755 m) > Baita Nembrini (1780 m) > Passo La Forca (1848 m) > Sentiero 501-502 uniti > Cima Alben (2019 m) > Ritorno al Passo la Forca > Salita a Cima Croce (1975 m) > Discesa alla bocchetta tra Cima Croce e Cima Spada > Discesa dal canalone sul Sentiero dell’Amicizia–Ceroni alla Conca dell’Alben > Rientro dalla sterrata al punto di partenza nei pressi del Passo della Crocetta

DIFFICOLTA’ : EE: Salita e discesa dal Passo La Forca a Cima Alben e buona parte della discesa da Cima Croce alla Conca dell’Alben sul Sentiero dell’amicizia- Ceroni, di recente ritracciato su nuovo percorso sul fianco del canalone

E: tutto il resto del percorso

DISLIVELLO: 858 m

DISTANZA: 10 Km. circa

TEMPO DI SALITA: Cima Alben meno di tre ore; per l’intero anello 6 ore

PERIODO COSIGLIATO: da giugno a neve sciolta a ottobre prima della neve

SENSO DI PERCORRENZA DELL’ANELLO: indifferente

CARTOGRAFIA: Consigliata la ‘ALPE ARERA’ - ‘Carta dei sentieri’ in scala 1:15.000 a cura dell’Ass. Cult. Ultra Collem e www.olreilcolle.com

ACQUA: assente, rifornirsi per bene alla partenza

ACCESSO E PARCHEGGIO

Il Passo di Zambla si raggiunge con la strada prov. n. 27 di Valle Serina, imboccata dalla prov. di Valle Brembana ad Ambria di Zogno, oppure con la strada prov. n. 46 da Ponte Nossa (Val Seriana).

Dal Passo di Zambla si raggiunge il Passo della Crocetta , si prosegue sulla sterrata Via del Colle (Pista di sci) fino ad avvistare sulla sx il cartello indicatore per il Monte Alben.

ITINERARIO

Stavolta salgo in Alben com mio figlio Raffaele che ci sale per la prima volta.

Imboccato il sentiero CAI 501 per l'Alben e la Baita Nembrini, saliamo per circa mezz'ora nel bosco tra faggi ed abeti.

Usciti allo scoperto seguiamo il ripido sentiero (sempre ben segnato) del canalone fino al Col dei Brassamonti a quota 1755 metri, ammirando oltre al panorama anche estese fioriture primaverili.

Giunti ad un bivio (proseguendo diritti sul sentiero pianeggiante, leggermente esposto, ma non pericoloso, si raggiunge in 5 minuti Baita Nembrini (annidata tra le rocce del versante orientale dell'Alben, di proprietà e gestione della Sottosezione C.A.I. Valserina), noi continuiamo sul sentiero di destra, giungendo in decisa salita fino al Passo la Forca (1848 m), passando sotto il caratteristico Torrione d'Alben.

Il sentiero è ben tracciato, anche gradinato all’occorrenza, purtroppo le slavine di quest’anno ne hanno rovinato un buon tratto tra il Passo Brassamonti e la Baita Nembrini, ma il CAI Valserina provvederà a ripristinarlo per bene.

Al Passo la Forca (1848 m) , crocevia dei sentieri e delle cime d'Alben (dove, oltre al sentiero CAI 501 che sale dal Passo della Crocetta, giunge il sentiero CAI 502 (che proviene dal Passo del Sapplì e da Cornalba), imbocchiamo il sentiero di sinistra (sentiero unificato 501-502 per Cima Alben) EE, che presenta alcuni passaggi esposti sulla cengia del versante orientale da affrontare con attenzione..

In circa 45 minuti (i 30’ segnati sul cartello indicatore ci sembrano pochi…) in saliscendi, tra massi, spuntoni rocciosi e tratti di sentiero pianeggiante , raggiungiamo la cima del Monte Alben (2019 m), superando alcuni passaggi impegnativi (EE), alcuni dei quali richiedono l’uso delle mani.

Curioso e divertente un attraversamento sotto un masso incassato nel crinale che forma una vera e propria grotta. La giornata è bella, la visibilità buona quindi possiamo godere e fotografare buona parte dello splendido panorama, a nord verso le chiare rocce dell’Arera e quelle più scure e lontane dei Pizzi Diavolo, Redorta e Coca, a est verso la sottostante Valle del Riso, l’alta Val Seriana, l’elegante profilo della Regina delle Orobie e, oltre, l’Adamello, a sud verso la Val Serina, il dolce profilo del Canto Alto, la pianura, a ovest il Linzone, il Resegone, le Grigne che fanno da cornice alle lontane vette del Rosa e del Cervino.

Dopo la pausa pranzo al sacco e un momento di relax, rientriamo al Passo la Forca, mentre in cielo, dopo momenti di nebbia, splende il sole e si distendono pure bei nuvoloni bianchi estivi..

Dopo breve sosta alla Baita del Gioan, ricavato tra le rocce, interessante, simpatico, soprattutto utilissimo in caso di intemperie, purtroppo chiuso a causa del Covid quest’anno, ma in situazione normale sempre aperto a disposizione degli escursionisti.

Raggiungiamo facilmente Cima Croce (1978 m), seguendo il sentiero che, ben segnalato dai bolli bianco-rossi, si snoda aggirando o superando i numerosi massi sparsi tra le poche macchie verdi.

Dopo breve sosta per scatti fotografici, seguendo la traccia ben segnalata (bolli bianco-rossi) scendiamo con cautela alla bocchetta tra Cima Spada e Cima Croce per poi proseguire sempre con attenzione in scoscesa discesa, sul ‘Sentiero dell’Amicizia- Don Angelo Ceroni’, che ora non è tracciato nel fondo del canalone ghiaioso, ma sul fianco roccioso-erboso di sx (scendendo).

Abbassandoci verso la Cresta del Gallo (1673 m), anziché proseguire per Pian della Palla a sx, prendiamo il sentiero di dx per la Conca dell’Alben che seguiamo, impervio nel primo tratto, fino all’ex-Albergo della Conca dell’Alben.

Percorsa la sterrata segnalata a dx , ci ritroviamo sulla strada sterrata-pista di sci che ci riporta in breve tempo al punto di partenza all’inizio del sentiero 501 presso il Passo della Crocetta.

Contenti entrambi per bella escursione ad anello sulle Cime dell’Alben, specialmente Raffaele salito sulle cime dell’Alben per la prima volta, seguendo an che sentieri segnalati EE, per Escursionisti Esperti !

N.B.

Pubblicato il servizio su’ I più bei sentieri della Lombardia Centrale’-55 itinerari in montagna- di Piero Gritti e Sergio Papucci. Ed. Blu-Torino –(1914)