PIZZO FARNO (2506 m) ad anello con lo spettacolo dei Laghi Gemelli – 25sett23

0
0
333

Il Pizzo Farno, montagna di bell’aspetto, acuminata e triangolare verso la cima, più allargata nella parte inferiore, con il suo vasto basamento divide la conca dei Laghi Gemelli da quella del Lago Colombo e le stesse dalla testata della Val Sanguigno, con la quale comunica attraverso i Passi di Val Sanguigno Ovest e Nord.

PERCORSO :

Baite di Mezzeno (1590 m) > Passo di Marogella (1869 m) > Cima di Mezzeno est (chiamata ora anche Cima Giovanni Paolo II (2320 m) > Passo Laghi Gemelli (2131 m) > Sentiero per Passo di Valsanguigno > Sent. 232 > Passo W di Valsanguigno o Passo del Farno W (2320 m) > PIZZO FARNO (2506 m) >verso Passo Nord di Valsanguigno (2380 m) > Quota 2230 > Discesa crestone ovest con tratti di labile traccia consunta e tratti a vista > Rif. Laghi Gemelli (1968 m) > Sent. 215 > Passo di Mezzeno (2144 m) > Baite di Mezzeno.

Dislivello: 1200 m

Difficoltà: per E (Escursionisti) per buona parte, per EE (Escursionisti Esperti) nella salita dal Passo di Valsanguigno W alla cima del Pizzo Farno e In tratti di discesa ai Laghi Gemelli con percorso in parte a vista.

Distanza: Km 14

Tempi: circa 7 ore di cammino complessivo

Appoggio: Rifugio Laghi Gemelli, se aperto

Acqua: presente, eccetto sulla cima del Pizzo Farno

Bel ritorno mio sul Pizzo Farno stavolta in compagnia di mio figlio Raffaele che sale per la prima volta.

Raffaele ed io quindi, saliti da Roncobello (tiket di 2€), lasciata l’auto al parcheggio alle Baite di Mezzeno (1590 m) , ci avviamo sulla dx verso le baite e prendiamo a sx , appena dopo il ponticello sul ruscello, il sentiero 270 A, da pochi conosciuto e quindi poco frequentato, e saliamo a sx in direzione del Passo di Marogella (1830 m) , che raggiungiamo dopo circa 40’ di decisa salita.

Il cielo è terso con ottima visibilità, mentre percorriamo il sentiero 270A, contrassegnato da bolli verde fosforescente ormai consunti e ometti..

Raggiungiamo la Cima di Mezzeno Est (denominata anche Cima Giovanni Paolo II, 2230 m).

Man mano saliamo il panorama si allarga ad oriente verso la Valcanale (Val Seriana) a occidente verso la Valle di Roncobello (Val Brembana) regalandoci splendidi panorami.

Scesi dai 2230 m della Cima di Mezzeno ai 2131 m del Passo dei Laghi Gemelli, prendiamo, poco sopra il Passo in direzione del Pizzo Camilla e Monte Corte, il sentiero contrassegnato ‘Passo di Valsanguigno – Pizzo Farno’ che si sviluppa ben tracciato in decisa salita in traverso ed in ombra sui fianchi occidentali del Monte Corte, lo percorriamo con attenzione attraversando anche macereti fino a raggiungere ed agganciare , a quota circa 2300 m, il sentiero 232 che collega la Valsanguigno ai Laghi Gemelli, passando per il passo di Valsanguigno W o Passo del Farno (2320 m).

Caratteristico l’ambiente verso il Passo dove le rocce di Verrucano Lombardo si colorano di rosso !

Al Passo bella vista, ad est sulla parte terminale della Val Sanguigno, ad ovest sulla conca dei Laghi Gemelli.

Seguendo le evidenti indicazioni scritte sulle rocce saliamo in decisa ripida salita la traccia-sentierino verso il Pizzo Farno, seguendo il crinale della cresta, a tratti erboso, a tratti roccioso, fin quasi sotto il tratto terminale di roccia friabile ed esposta, dove, prendendo sentierino a sx in travesro con attenzione agganciamo il sentiero che sale dal Passo di Valsanguigno Nord.

In breve siamo in vetta al PIZZO FARNO (2506 m) con la bella bianca croce.

Impagabile il panorama verso la Val Sanguigno sottostante, verso la costiera delle Cime di Val Sanguigno, del Pradella e del Salina ad est, verso il massiccio del Pizzo del Becco, dei Corni di Sardegnana e del Pizzo Torretta a nord, verso i Laghi Gemelli e gli altri laghi e le cime della costiera ovest (Spondone, Tonale, Pizzo delle Orobie e dell’Orto) ad ovest, del Monte Corte , delle Cime di Mezzeno a sud.

Dopo una bella sosta con pranzetto al sacco e relax, scesi al Passo di Val Sanguigno Nord, scendiamo al Rif. Laghi Gemelli percorrendo il lungo crestone erboso del versante ovest.

Qundi risaliamo, seguendo una evidente traccia iniziale, che poi sparisce, sulla larga cresta erbosa W che percorriamo a tratti su labili tracce e a tratti ‘a vista’ in tutta la sua notevole lunghezza, prima in saliscendi, poi in decisa discesa fino a scendere dai 2506 m del Pizzo Farno ai 1968 del Rig. Laghi Gemelli.

Discesa impegnativa perché richiede attenzione per non smarrire il giusto percorso di discesa, privo di segni visibili, e per scendere alcuni tratti ripidi, lievemente difficoltosi.

Bellissimo il panorama sui Laghi Gemelli e gli altri laghi che godiamo in tutto il percorso di discesa.

Raggiunto il sent. 232 in prossimità della diga, raggiunto il Rif. Laghi Gemelli (1968 m), preso il sentiero 215, risaliamo al Passo di Mezzeno (2144 m) , ammirando il panorama del Monte Corte, del Pizzo Farno, del Pizzo del Becco e dei Laghi Gemelli nella calda luce tardo-pomeridiana.

Scendiamo la valle di Mezzeno sul sent. 215 godendo di un fantastico Pizzo Arera illuminato dal sole al tramonto !

Bellissima escursione con giro ad anello su sentieri (a tratti solo tracce) poco frequentati (eccettuato il 215 Rif. Gemelli>Baite di Mezzeno) con panorami mozzafiato che si susseguono ininterrottamente per tutto il percorso, complice la splendida giornata.

La presenza dei Laghi Gemelli, quasi costante, visti da varie prospettive ed angolazioni, può ritenersi la ciliegina sulla torta di tutto il percorso.

Molto contento Raffaele che compie questo bell’anello per la prima volta, contento pure io per essere ritornato sul Pizzo Farno per la sesta volta in compagnia di mio figlio!