Alt(r)o Festival. Riviviamo la quinta edizione

0
0
258

E’ terminata domenica 1 ottobre la quinta edizione di Alt(r)o Festival Valmalenco e ora, sino alla fine di novembre, l'iniziativa  prosegue nelle scuole primarie (scuola materna, elementare e media) della valle e di Sondrio con l'obiettivo di far conoscere il territorio ai circa 450 bambini e ragazzi coinvolti. 

Alt(r)o Festival si è sviluppato quest'anno lungo tre fine settimana attorno al tema "I paesaggi invisibili. La bellezza dell’ordinario, tra terre di mezzo e spazi dimenticati". Tante occasioni per i viaggiatori più attenti e sensibili, di scoprire la geodiversità della Valmalenco in modo nuovo. Al loro fianco, negli itinerari da fondo valle alle montagne, Guide alpine e Guide ambientali, Accompagnatori di media montagna ed esperti di educazione ambientale. 

Il Festival 2023 ha indagato il delicato equilibrio tra paesaggio naturale e paesaggio antropizzato e ha evidenziato come il "terzo paesaggio", un tempo addomesticato dall’uomo e ora ripreso in parte o totalmente dalla natura, apparentemente perdente, può elevarsi a "luogo del possibile", tenere insieme passato e futuro e connettere nuove energie sociali.

Il format del Festival di quest’anno è stato diviso in tre step pensati per pubblici diversi: il primo, 29 e 30 luglio, aveva un taglio sportivo con sport incentrati sulla ricerca dell’equilibrio inteso come capacità fisica, rapporto armonico con l’ambiente e benessere interiore. Il secondo (23 e 24 settembre) si rivolgeva a un pubblico preparato che ha percorso i cammini, anche impegnativi, l’ultimo (30 settembre – 1 ottobre) a pubblico interessato alla cultura a cui sono stati proposti percorsi artistici connessi alla natura: il cammino era in funzione e in avvicinamento alle singole performance.

Circa 1500 partecipanti, molti dei quali per la prima volta in Valmalenco, hanno scoperto questi luoghi attraverso lo sguardo inconsueto e originale del Festival.