Articolo

ECCO I CONSIGLI PER SALVARE I CAPRIOLI

05 Giugno 2014 / 11:30
0
0
357
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

ECCO I CONSIGLI PER SALVARE I CAPRIOLI

05 Giugno 2014/ 11:30
0
0
357
Scritto da Redazione Orobie

La Provincia idi Sondrio nterviene in aiuto dei piccoli ungulati con un vademecum di buone norme che l' uomo dovrebbe seguire.
E' proprio l'uomo infatti il maggior responsabile della strage dei cuccioli che nascono in questo periodo dell'anno.

Per evitare le stragi sono tre i principali accorgimenti.

Massima attenzione nell' impiego delle falciatrici: le mamme nascondono i caprioli nel primo mese di vita nei prati, nascosti tra le foglie;
si consiglia dunque di dotare le falciatrici di catene in modo che costituiscano un avviso per i caprioli e consentano loro di scappare prima di venire feriti dalle lame;
altro consiglio è quello di tagliare l'erba  dal centro del prato verso l'esterno in modo da consentire la fuga degli animali;
si potrebbero inoltre posizionare il giorno prima dello sfalcio delle strisce colorate ai lati del terreno, per favorire la scelta di atre zone alla mamma capriolo.
La soluzione migliore è comunque quella di posticipare il taglio dopo il 1 luglio.

Evitare di toccare e addirittura portare a casa piccoli di capriolo: la mancanza di odore difende infatti i cuccioli dai nemici naturali e il contatto con l'uomo rischia di copromettere la possibilità che vengano riconosciuti dalle mamme.
Nutrire i cuccioli credendoli abbandonati con latte di mucca può provocare danni molto seri.

Ultimo avvertimento è quello di tenere i cani al guinzaglio per evitare che azzannino i cuccioli provocando gravi ferite, spesso incurabili.


Chiunque trovasse dei cuccioli feriti deve limitarsi ad avvisare il servizio Caccia e Pesca della Provincia.