Articolo

In Franciacorta allo studio le potenzialità dell'uva Erbamat

06 Dicembre 2017 / 06:25
0
0
489
Articolo

In Franciacorta allo studio le potenzialità dell'uva Erbamat

06 Dicembre 2017/ 06:25
0
0
489

Sarà l'uva del futuro per la Franciacorta? La sua coltivazione risale agli albori della Franciacorta enologica: la citò già l’agronomo Agostino Gallo nel 1564 come varietà presente anche sulle colline franciacortine. Parliamo dell'Erbamat.

Da alcuni anni Berlucchi, attraverso prove in campo e microvinificazioni, collabora con il Consorzio Franciacorta studiando e sperimentando le potenzialità dell’Erbamat. Nel 2016, vista l’introduzione della varietà nelle modifiche al Disciplinare di quest’anno – dove se ne autorizza l’impiego nella cuvée dei Franciacorta (escluso il Satèn) per un massimo del 10% - il team agronomico ha sovrainnestato un ettaro di Chardonnay nella porzione orientale del vigneto Castello.

“L’Erbamat è una varietà piuttosto delicata, che dà il meglio coltivata su terreni asciutti. Soggetta a ustioni, va protetta dai raggi ultravioletti: abbiamo scelto di impiantarla sul versante est della collina del castello, che presenta tra l’altro un suolo privo di ristagni idrici”, spiega Arturo Ziliani, enologo e amministratore delegato della Guido Berlucchi. “Matura da metà settembre a ottobre, un mese dopo lo Chardonnay e il Pinot Nero: si propone quindi come una delle risposte franciacortine al cambiamento climatico. Le microvinificazioni degli anni scorsi hanno evidenziato acidità bilanciata, profumi floreali e buona longevità. Con questi presupposti, siamo davanti a una varietà sulla quale investire per il futuro del territorio, attingendo dalla tradizione contadina locale”, conclude Ziliani.

Intanto, in casa Berlucchi è nato Cuvée J.R.E. N° 4, il Franciacorta Extra Brut Riserva 2008 “fatto su misura” dall'azienda di Borgonato con i sommelier dell’Associazione Jeunes Restaurateurs. La Cuvée è un Franciacorta Riserva da uve Chardonnay (58%) e Pinot Nero (42%) della vendemmia 2008. I vini base sono stati affinati sia in acciaio che in barrique, con parziale malolattica, per conferire loro consistenza e rotondità. Dopo un riposo di 96 mesi sui lieviti, al "dégorgement" è stata aggiunta una moderata quantità di sciroppo di dosaggio, 4 grammi per litro, in modo da enfatizzare la personalità del vino.



Correlati

Franciacorta in fiore

Franciacorta in fiore

Sfida il maltempo, anche "Franciacorta in fiore". Tanti motivi per visitare la celebre rassegna, anche se la primavera si fa desiderare.A Cazzago San Martino ...

Evento
Valcalepio, Franciacorta, Valtènesi: le novità dal Vinitaly

Valcalepio, Franciacorta, Valtènesi: le ...

Vendite in crescita all’estero (+3,3% nel 2018 sull’anno precedente) ma non mancano alcune incognite all’orizzonte per il vino italiano. Aumentano le ...

Articolo
In Franciacorta il 1° Festival italiano del Potatore

In Franciacorta il 1° Festival italiano ...

Sabato a Erbusco, in Franciacorta, sarà una giornata di festa dedicata al saper fare in vigna su iniziativa degli esperti preparatori d'uva Simonit&Sirch.  ...

Evento
Spiedo alla bresciana: sfida tra bollicine e rosso per l'abbinamento

Spiedo alla bresciana: sfida tra bollici...

Emilio Zanola, della Trattoria Castello di Serle (Bs), è famoso per essere uno dei migliori interpreti dello Spiedo alla bresciana, proposto secondo tradizione, seguendo il ...

Articolo