Articolo

L'articolo del mese
Sulle tracce degli alpini

29 Marzo 2017 / 00:00
0
2
911
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

L'articolo del mese
Sulle tracce degli alpini

29 Marzo 2017/ 00:00
0
2
911
Scritto da Redazione Orobie

Si corre la Adamello ski raid, prova scialpinistica che si snoda tra creste e ghiacci dove gli alpini, tra sacrifici inimmaginabili, scrissero la storia della Guerra Bianca. Circa 250 le coppie di scialpinisti alla partenza sulla pista Tonalina.

Il primo scollinamento è al passo Paradiso e poi su verso il Presena. La Adamello ski raid è la più giovane delle gare di scialpinismo di lunga distanza. Si corre ogni due anni ed è stata inserita nella «Grande course», circuito di gare lunghe, tecniche e alpinistiche. È una cavalcata che, dal Tonale, si addentra nel ghiacciaio più vasto delle Alpi italiane e segue le vie già tracciate da alpini e kaiserjäger durante la Grande guerra. Si svolge in un ambiente glaciale magnifico, ma duro ed esigente. Dove ora passano in ordinata doppia traccia colonne di tutine colorate, cent’anni fa transitavano i soldati «skiatori», con assi di frassino ai piedi e fucile in spalla. Grazie alla nuovissima cabinovia che da passo Paradiso porta a passo Presena, anche i tanti appassionati possono dare uno sguardo al di là delle creste, tra i passi Maroccaro e Presena, che delimitano la conca dell’omonimo ghiacciaio teatro di tragici combattimenti. Ai concorrenti toccherà poi scendere, abbassarsi fino a superare il lago del Mandrone, a 2.403 m e risalire la vedretta. A quel punto avranno già percorso una quindicina dei 42 km circa di sviluppo complessivo della gara. Dopo infiniti zig-zag ecco Cresta Croce con il suo famoso «Ippopotamo»: un cannone da 149 mm e 9 km di gittata. Trainato lassù a forza di braccia, da alpini e artiglieri, nel giugno del 1917. Gli scialpinisti puntano alla prossima meta, che non è l’ultima, la vetta dell’Adamello, 3.539 m. È di nuovo tempo di scendere e poi di salire ancora al passo degli Italiani e giù lungo il versante nord del corno Bianco. Li attende la valle e oltre gli ultimi ghiacci del Pisgana la loro cavalcata è finita. Passo Venezia, 3.230 m, il traguardo è esattamente 2.000 m più in basso a Ponte di Legno.

Correlati

Re, draghi e fontanili, il videoracconto

Re, draghi e fontanili, il videoracconto

Alla scoperta di un lembo di Pianura padana ricco di leggende, come quella del drago Tarantasio. Il videoracconto, con la voce narrante di Maria Cristina ...

Articolo
Sci alpinismo mondiale al via

Sci alpinismo mondiale al via

La Coppa del Mondo di sci alpinismo prenderà il via sulle nevi di Pontedilegno-Tonale.Dal 16 al 19 dicembre si aprirà la nuova stagione dello ...

Articolo
Ponte Immacolata vacanze in rifugio

Ponte Immacolata vacanze in rifugio

Il Rifugio Monte Poieto in vista delle prossime festività resterà aperto tutti i giorni dal 3 al 12 dicembre PRANZO e CENA.A disposizione degli ...

Articolo
Bollicine in quota

Bollicine in quota

Sabato 11 Dicembre festa in rifugio con apericena e dj e per i palati più esigenti abbiamo studiato un menù dedicato allo Champagne. Cena ...

Evento