Il grande sentiero, i film a Nembro

Continua nella Bergamasca la nona edizione della rassegna del Lab 80 dedicata a montagna, viaggi, storie di vita e esplorazioni, con pellicole in anteprima, incontri e musica dal vivo. Venerdì 17 novembre trasferta al Modernissimo, in Valle Seriana. 

Si sposta in Valle Seriana la nona edizione della rassegna di Lab 80 "Il grande sentiero", in corso nella Bergamasca dal 4 novembre al 7 dicembre. Venerdì 17 novembre le proiezioni cinematografiche saranno nell'auditorium Modernissimo di Nembro (Bergamo). Dalle 21 quattro corti e mediometraggi provenienti da Svizzera, Francia, Polonia e Spagna si alternano raccontando storie di sfide e grandi scalate. 

Il primo è "Tupendeo - One Mountain, Two Stories" di Robert Steiner (Svizzera, 2016) anteprima italiana. Mentre sono intenti a raggiungere la vetta del Tupendeo, nel Kashmir, Stephan Siegrist e Thomas Senf si trovano faccia a faccia con un mistero: rinvengono una corda per la discesa, le cui tracce però si interrompono dopo poco. Le loro ricerche li porteranno a ricostruire un drammatico episodio di cui si era persa memoria. Poi sarà la volta di "Une vie à apprendre" di Eloise Barbieri (Francia-Italia, 2017) anteprima. Nonostante sia rimasta paralizzata a causa di un incidente in montagna, Vanessa François continua a scalare con l’aiuto di alcuni amici, che oltre a essere dei fortissimi alpinisti, si dimostrano generosi e solidali. Dopo aver salito con successo la via Zodiac nello Yosemite, decide di affrontare il Grand Capucin, un monolite di quasi 4.000 m nel massiccio del monte Bianco.

Quindi verrà proiettato "Mar Álvarez. No logo" di Jon Herranz, Gerard Peris (Spagna, 2016) anteprima. Nell’estate del 2014 Mar Álvarez è diventata la quinta donna nella storia a scalare una parete di grado 9a/5.14d. A rendere ancora più entusiasmante questa impresa è il fatto che Mar non è una scalatrice professionista ma lavora a tempo pieno nei vigili del fuoco. Infine in cartellone c'è "Kangchenjunga" di Krystyna Rachwal (Polonia, 2016) anteprima. Adam Bielecki fa ritorno sull’Himalaya insieme a Denis Urbuko e Alex Txikon per tentare la scalata del Kangchenjunga: sarà una sfida tra le forze umane e la grandezza della natura per raggiungere la vetta a 8586 m.

Ancora a Nembro, ma giovedì 23 novembre alla sede del Gan (Gruppo alpinistico nembrese), dalle 21 proiezione del filmato inedito "Yosemite '74" e a seguire presentazione del libro "Bertone. La montagna come rifugio" di Guido Andruetto. Sarà presente l'autore. Il programma continua giovedì 30 novembre al Palamonti, sede del Cai a Bergamo, alle 21 con una lettura in sequenza di brani tratti dal magazine Walden, rivista dedicata a ambiente, wilderness, sostenibilità. Infine, si ritorna a Nembro giovedì 7 dicembre, la decima edizione del Premio Marco e Sergio Dalla Longa.


Ingressi gratuiti. Info: www.ilgrandesentiero.it o al numero 035.342239

Correlati

Lecco verticale in un film

Lecco verticale in un film

Il lavoro realizzato dal regista Klaus Dell’Orto, su progetto e story di Pietro Corti, è dedicato alle falesie lecchesi, raccontate attraverso i personaggi che ...

Evento
Montagna, dialogo tra Mario Curnis e Giorgio Fornoni

Montagna, dialogo tra Mario Curnis e Gio...

Una serata da non perdere quella del 15 giugno a Cà Berizzi, che vede protagonista il decano degli alpinisti bergamaschi Mario Curnis in dialogo con ...

Evento
Rientrato in Italia Marco Confortola

Rientrato in Italia Marco Confortola

Rientrato dal Kangchenjunga, Marco Confortola è già nella sua Valfurva. Ha dovuto rinunciare alla cima, ma il bilancio non è amaro.Di ritorno dalla spedizione ...

Articolo
Sabato il ricordo di Roby Piantoni sulla sua falesia

Sabato il ricordo di Roby Piantoni sulla...

Una giornata in falesia a Pian di Vione a Colere per ricordare l'alpinista Roby Piantoni, morto sullo Shisha Pangma nel 2009.L’associazione Roby ...

Evento