Itinerario BC

Dal passo del Bernina a Lecco in sella alla bici

  • Attività in bici
  • 4 giorni ore
17 Aprile 2020 / 09:45
0
2
1604
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Dal passo del Bernina a Lecco in sella alla bici

17 Aprile 2020/ 09:45
0
2
1604
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Dal passo del Bernina a Lecco in sella alla bici

17 Aprile 2020/ 09:45
0
2
1604
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Un tour di quattro giorni in sella alla mountain bike, dal passo del Bernina a Lecco attraverso la Valtellina e la Bergamasca. Lungo gli antichi itinerari dei «cuntrabandé», i contrabbandieri, alla scoperta del suggestivo ambiente alpino tra la Svizzera e la Lombardia. Con le acque del fiume Adda che tengono compagnia. È quanto propongono sulla rivista Orobie di aprile, in edicola in questi giorni, Riccardo Barlaam e Gianfranco Ubbiali.

Guarda anche l'animazione di Relive:

Il primo giorno, trasferimento in treno a Tirano (Sondrio) da dove, con il Trenino rosso del Bernina, si raggiunge la stazione della Ferrovia retica Ospizio Bernina, al passo omonimo, in Svizzera. Ci si mette in sella e dopo 6 chilometri, a oltre 2.000 metri di quota, si entra in valle da Fain e si perde quota verso Livigno, rientrando così in Valtellina. Risaliamo la valle Alpisella fino alle sorgenti dell’Adda e a non molta distanza, tra il lago di San Giacomo di Fraele e quello di Cancano, concludiamo al rifugio Val Fraele.

La seconda giornata è interamente in provincia di Sondrio. Dopo avere costeggiato il lago di Cancano si scende a Bormio, alternando tratti in offroad ad altri su asfalto. Puntiamo poi su Santa Caterina Valfurva e cominciamo la salita, sempre su strada asfaltata, in direzione del passo di Gavia arrivando fino al Pian dell’Alpe. Da qui si lascia il fondo asfaltato e ci si gode la discesa nella bellissima valle di Rezzalo. Pranzo al rifugio La Baita, riprendiamo a pedalare abbassandoci a Le Prese, frazione di Sondalo, e seguiamo la ciclabile della Valtellina proseguendo fino a Tresenda di Teglio, dove saliamo alla località Arboledo.

Il terzo è il giorno del tappone con la scalata alla "Cima Coppi" del nostro tour. Si rimane per circa 30 chilometri sulla ciclabile raggiungendo Fusine. È da qui che cominciamo, su strada asfaltata, la lunga risalita della valle Madre: 1.700 metri di dislivello in 20 chilometri. Raggiunto il rifugio Dordona ci concediamo una sosta prima di puntare al passo che ci farà entrare in provincia di Bergamo. Una visita a trincee e postazioni della Linea Cadorna, risalenti alla Prima guerra mondiale, e giù verso Foppolo e Branzi.

Nell’ultimo giorno, da Branzi arriviamo a Olmo al Brembo per poi risalire a Valtorta e, seguendo i sentieri che incrociano gli impianti di risalita della stazione sciistica a cavallo tra valle Brembana e Valsassina, eccoci ai Piani di Bobbio. Entriamo in provincia di Lecco e ci abbassiamo in direzione di Barzio, su un tracciato con qualche passaggio tecnico. Lo stesso lungo il sentiero Montalbano, tra Ballabio e Lecco. Nella città manzoniana, ai piedi del Resegone, carichiamo le bici sul treno e facciamo rientro a casa.

Sono centinaia le escursioni, a piedi o in bicicletta, proposte dal nostro sito. Vai alla loro scoperta visitando la sezione itinerari. Per avere tutte le informazioni sempre con te scarica sul tu smartphone l'app gratuita Orobie Active.