Articolo

Vacanze all'aria aperta con Orobie di agosto 2019

19 Luglio 2019 / 10:00
0
2
1061
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Vacanze all'aria aperta con Orobie di agosto 2019

19 Luglio 2019/ 10:00
0
2
1061
Scritto da Redazione Orobie

Il numero di agosto 2019 della rivista Orobie è nelle edicole. Tante proposte per trascorrere le proprie vacanze all'aria aperta. Basta sfogliare il magazine, che da circa 30 anni si occupa di territorio, storia, arte e tradizioni, per scoprire "le tante sorprese della Lombardia più bella".

   

L'alba in vetta al Venerocolo, tra i ghiacci dell'Adamello

A metà agosto tutti in vetta, a oltre 3.000 metri, ad ammirare l’arrivo di un nuovo giorno. Escursionisti provenienti anche da fuori regione, sui sentieri del Primo conflitto mondiale, tra creste e ghiacci del gruppo dell’Adamello, in alta valle Camonica. Il momento indimenticabile del sorgere del sole. L'iniziativa, raccontata da Massimo Sonzogni, autore dell'articolo, e Dario Bonzi, fotografo, è del rifugio Garibaldi.

Guarda il video racconto, clicca su: Alba al Venerocolo. 

Il percorso seguito per raggiungere il Venerocolo, come tutti quelli pubblicati sulla rivista, è disponibile anche nella sezione itinerari del sito e sulla app gratuita Orobie Active.

Alla scoperta del borgo di Nesso con le "Passeggiate creative"

In occasione dei 500 anni della morte di Leonardo da Vinci. L'orrido di Nesso (Como), sul lago di Como, è tra i pochi luoghi del Lario descritti nel Codice atlantico: «Terra dove cade uno fiume con grande empito». Il canyon, ripulito e illuminato, è un incanto per i visitatori. Accompagnati dall’acqua, dal ponte della Civera a quello del Nosee. Il servizio è di Paolo Confalonieri, con le fotografie di Paolo Ortelli.

Le "Passeggiate creative" raccontano il borgo di Nesso. Guarda il video cliccando su: Nesso.

Anche questo percorso, come tutti quelli pubblicati sulla rivista, è nella sezione itinerari del sito e lo si può avere sempre con sé grazie alla app gratuita Orobie Active

La sofferenza dei ghiacciai

Massimo Tognolini, fotografo e autore di questo articolo, ci parla della sofferenza del ghiacciaio della Sforzellina, al passo del GaviaIl piccolo deposito sotto il Tre Signori resisterà al massimo altri 20 anni e, pur sofferente, merita una visita. Autentico laboratorio scientifico a cielo aperto nel gruppo dell’Ortles-Cevedale, il sentiero naturalistico consente di scoprirlo passo dopo passo, assieme al fragile ambiente che lo circonda.

I muri a secco, Patrimonio Unesco

L’arte dei muri a secco è stata iscritta dall’Unesco nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio mondiale. È il riconoscimento alla maestria di chi, anche in Lombardia, ha saputo costruire questi monumenti alla fatica in piena armonia con l’ambiente. Uno stimolo, oggi, per non lasciarli crollare. Orobie è impegnata in tal senso, a cominciare dall'articolo pubblicato sul numero di agosto 2019, con le fotografie di Dimitri Salvi e le parole di Margherita Balduzzi.

 

In bicicletta sopra il lago di Garda

Assieme al fotografo Matteo Zanga e a Michele Malfatti, biker che ha redatto il servizio, percorriamo la nuova pista ciclopedonale a sbalzo sul Benaco, da Limone fino al confine con il Trentino. Un’esperienza che regala forti emozioni, sospesi tra lago e cielo, immersi in panorami mozzafiato e in un ambiente ricco di bellezza. Con un anello di 150 chilometri come sogno. Clicca qui per guardare l'intervista di Orobie Extra a Michele Malfatti

Storia, musica e tradizioni in valle Staffora

A Cegni (Pavia), in questo angolo incantato degli Appennini tra Lombardia, Liguria, Piemonte ed Emilia, che ben ci descrivono, con testo e immagini, Ruggero Meles e Marco Mazzoleni, rivivono antichi repertori di musiche, balli e canti. Grazie anche a Stefano Valla, erede e innovatore della tradizione del piffero. Con un episodio tragico che resta indimenticato: i 32 morti del bombardamento del 20 agosto 1944.

Quando il "riso" è una cosa seria

Dal 1938 i Montanari si occupano della secolare pilatura già dei conti Luranitra Lodi e Pavia. Una tradizione familiare che viene mantenuta viva, circondati da coltivazioni in cui si fa ricorso a tecniche antiche e innovative. Come per esempio il metodo macrobiotico a base di trifoglio di Angelo Manzoni. Un nuovo viaggio di Orobie alla conoscenza delle eccellenze della Terra presentato dalle nostre "sentinelle del gusto" Silvia Tropea Montagnosi, grande esperta di enogastronomia, e Marco Mazzoleni, maestro della fotografia.


Correlati

I piatti della tradizione bergamasca

I piatti della tradizione bergamasca

Dal 15 al 17 novembre 2019, nel Parco della rocca di Cologno al Serio (Bergamo), appuntamento con la Sagra della cucina tipica bergamasca . L ...

Evento
Guide e accompagnatori del Parco delle Orobie valtellinesi

Guide e accompagnatori del Parco delle O...

C'è tempo fino al 15 novembre 2019 per iscriversi al corso per diventare guide del Parco delle Orobie valtellinesi. Si tratta di un’opportunità ...

Articolo
Via Giovannea, un progetto di valorizzazione

Via Giovannea, un progetto di valorizzazione

Un territorio lombardo poco conosciuto e ancora tutto da scoprire: è quello racchiuso tra le province di Milano, Bergamo e Lecco. Un’area geografica ...

Articolo
Ponte Immacolata Rifugio Gremei aperto

Ponte Immacolata Rifugio Gremei aperto

Trascorri il tuo weekend a Piazzatorre in Alta Val Brembana e raggiungi il nostro Rifugio comodamente in seggiovia o una bella camminata lungo la strada ...

Evento